Perché la Play Station ora costa di più ed è quasi introvabile

La consolle più celebre al mondo sta vivendo una crisi di reperibilità: infuriati milioni di appassionati di gaming, ecco perché il suo prezzo è schizzato

Mancano ormai poche settimane all’arrivo del periodo natalizio e milioni di famiglie in tutta Italia si stanno già organizzando per acquistare i regali migliori da destinare ad amici e parenti. Le settimane dell’Avvento che precedono i giorni di festa sono da sempre il periodo migliore per effettuare tutte le compere del caso: i negozi traboccano di articoli di ogni genere e le grandi catene di rifornimento lavorano senza tregua tutti i giorni (inclusi i fine settimana) per rifornire i punti vendita con ogni materiale necessario.

Crisi di reperibilità della Play Station: è la fine di un’era?

Tra i tanti doni che è possibile impacchettare sotto l’albero in occasione del Natale, una delle scelte che da sempre viene apprezzata di più da parte di chi la riceve è sicuramente quella di una console targata Play Station.

I prodotti della multinazionale giapponese hanno segnato l’infanzia e l’adolescenza di milioni di individui, molti dei quali divenuti poi dei veri e propri appassionati di gaming. Sin dai suoi esordi nelle case degli italiani a metà degli anni Novanta, la PS ha regalato immense gioie a grandi e piccini che l’hanno ricevuta durante l’ultima settimana dall’anno (sono sempre di più i soggetti over 35 che la utilizzano regolarmente).

Play Station 5, tutte le opportunità di una consolle divenuta introvabile

È trascorsa un’era da quando la scatoletta di colore grigio e con l’apertura manuale iniziava a circolare nelle case dei cittadini europei, sempre più attratti da questa nuova fonte di interesse collettivo. Per utilizzarla era necessario collegare decine di cavi al retro del televisore, i videogiochi erano disponibili solo nei classici supporti su CD e – per salvare i risultati e i progressi conseguiti dopo ore di divertimento – occorreva munirsi delle apposite memory card (disponibili in commercio solo negli appositi centri specializzati).

Tutto è cambiato da quella prima versione che invase l’Occidente fino all’ultimo modello prodotto nel 2020. Oggi la Play Station 5 rappresenta uno degli stadi più avanzati della tecnologia applicata al mondo del gaming. La consolle può essere collocata in ogni angolo della casa (anche a diversi metri di distanza dalla postazione con TV) e viene dotata di una memoria interna tale da poter contenere centinaia di videogiochi, tutti rigorosamente scaricabili online. Grazie alla rete wi-fi autonoma è possibile sfidare un amico che vive dall’altra parte del mondo, ma anche guardare film, serie TV e collegarsi su alcune delle piattaforme più conosciute in assoluto come Amazon Prime.

Perché la Play Station 5 è diventata introvabile e come acquistarla su Amazon

Il problema della Play Station 5 sta nella sua reperibilità. Prima a causa del blocco mondiale dovuto all’emergenza pandemica, poi per i continui rincari del costo di alcune materie prime indispensabili al suo imballaggio, sta di fatto che la consolle ad oggi risulta praticamente introvabile in quasi tutti i continenti. Di conseguenza, anche il suo prezzo di vendita è aumentato: in Italia il prodotto originale si trova in media a 50 euro in più rispetto alla cifra stabilita dalla multinazionale due anni fa.

Su Amazon la Play Station 5 è acquistabile nella versione standard al prezzo di 609,99 euro con incluso il videogioco Horizon Forbidden West.