Il MIUR cerca insegnanti digitali, il bando: mansioni, requisiti e posti a concorso

Saranno esonerati da compiti didattici per due anni e faranno parte di equipe territoriali. Si occuperanno anche di formazione

Che la digitalizzazione sia uno dei talloni d’Achille del sistema scolastico italiano è un fatto risaputo. Negli ultimi anni sono stati fatti diversi passi in avanti, ma evidentemente non è ancora sufficiente.

Per questo motivo il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha avviato un bando di selezione per individuare, all’interno del corpo docente già sotto contratto con il MIUR, delle figure che possano essere d’aiuto a diffondere la cultura digitale tra i banchi. Nello specifico, il bando predisposto dal Ministero consentirà di individuare 120 docenti “digitali” che dovranno promuovere la diffusione di nuove metodologie didattiche, occuparsi della formazione di altri insegnanti e individuare le best practice digitali del nostro sistema scolastico.

L’annuncio arriva direttamente dal Ministro Bussetti che, dopo aver risolto la questione relativa al concorso per Dirigenti scolastici e aver annunciato che a breve verrà bandito il concorso docenti per la scuola dell’infanzia e quella primaria, punta con forza sulla digitalizzazione dei processi scolastici. “I docenti che saranno selezionati – spiega il Ministro Marco Bussetti – saranno punto di riferimento nei territori sul tema del digitale. Saranno esperti a disposizione delle scuole e degli altri insegnanti”.

Il bando è stato pubblicato sul sito del MIUR ed è rivolto agli insegnanti, di ogni ordine e grado, che abbiano specifiche competenze informatiche e digitali. I docenti che vogliono partecipare dovranno dimostrare un’adeguata conoscenza delle metodologie didattiche innovative e dei processi di digitalizzazione delle istituzioni scolastiche. Inoltre, per essere selezionati si dovrà essere esperti di discipline informatiche applicate alla didattica ed essere in grado di progettare e realizzare ambienti digitali per la didattica.

Per partecipare alla selezione, insegnanti e docenti dovranno presentare domanda dal 17 al 31 luglio, mentre il processo verrà completato entro l’inizio di settembre. I prescelti saranno esonerati dall’attività didattica per due anni, così che potranno dedicarsi a tempo pieno a questa nuova attività. Da settembre, infatti, i 120 insegnanti digitali entreranno a far parte di task force territoriali pronte a spostarsi dove è più necessario. Come detto, sarà loro compito individuare le migliori pratiche già utilizzate in ambito scolastico e “schematizzarle”, così da poterle esportare e applicare anche in altri contesti formativi.

I docenti digitali, poi, dovranno occuparsi anche della formazione del corpo docente della loro “area operativa”, così da migliorarne le competenze e le capacità didattico-digitali.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Il MIUR cerca insegnanti digitali, il bando: mansioni, requisiti e pos...