Hai un profilo Linkedin? Attento a non fare questi errori

Ecco cosa sarebbe meglio evitare per salvaguardare il proprio profilo Linkedin

Molti professionisti oggi hanno un loro profilo su Linkedin, la piattaforma professionale dedicata al mondo del lavoro. Su questo social network è molto facile mettersi in contatto con aziende e altri professionisti, ma basta poco per potersi bruciare la reputazione. Per questo abbiamo stilato una serie di suggerimenti utili, riprendendo i consigli dettati da Eures, il portale per chi cerca impiego nell’Unione europea.

Innanzitutto non dimenticate mai che siete su un social network e che per poter socializzare e stringere relazioni, seppur professionali, è necessario essere chiari e limpidi. Quale modo migliore per ottenere visibilità su Linkedin se non esponendosi pubblicamente con la propria foto? Però fate attenzione, selezionate una foto seria e professionale, quelle al mare dalla zia è meglio riservarle ad altri contesti.

Un altro errore banale potrebbe essere quello di non inserire tutte le informazioni necessarie per presentare la propria scheda personale e professionale ad un’eventuale azienda. Spesso ci si lascia prendere dal timore di esporre i propri dati pubblicamente, ma è proprio questa la filosofia dei social network. Se non siete disposti a presentarvi con il vostro curriculum, forse è meglio iniziare a pensare di cancellare il profilo Linkedin.

Una volta inseriti i dettagli della vostra carriera, le aspirazioni e i punti di forza, sforzatevi di essere creativi. Una ricerca condotta da qualche anno dallo stesso Linkedin, ha raccolto gli aggettivi più frequenti utilizzati dai vari utenti. Come potrà mai scegliervi un’azienda se vi omologate alla massa? Inoltre non dimenticate di aggiornare periodicamente il vostro profilo, aggiungendo nuove esperienze e competenze maturate nel tempo.

Un’altra distrazione che potrà costarvi caro è dimenticare di modificare l’url del profilo Linkedin: potete inserire il vostro nome e cognome o il nome di un’attività che vi caratterizza. In tal modo risulterete anche raggiungibili su Google. L’ultimo grave errore che potreste fare è non seguire aziende o gruppi. In questo modo il rischio è di restare fuori dal giro e perdersi occasioni importanti.

Immagini: Depositphotos

Leggi anche: 
Le parole da non usare mai su Linkedin e nei Cv
Colloqui di lavoro: 5 bugie per ottenere il posto
Alcuni consigli per scrivere il curriculum vitae in inglese
Colloquio di lavoro: come rispondere alle domande più frequenti
Lavoro: come creare il curriculum sul portale Eures
Come scrivere un curriculum in 7 mosse. I consigli del Ministero
Curriculum, ecco cosa non scriverci

Hai un profilo Linkedin? Attento a non fare questi errori