FinTech: il business fa progressi e spaventa le banche

Fra i consumatori aumentano la digitalizzazione dei servizi finanziari, le raccomandazioni e il grado di fiducia

Facilità di utilizzo dei servizi, velocità e customer experience positiva sono i benefici che le aziende del settore FinTech offrono rispetto alle banche. Fra i consumatori aumenta la loro diffusione, le raccomandazioni e il grado di fiducia.

E la maggior parte degli istituti bancari ammette di non essere adeguatamente preparata a gestire tale minaccia emergente. E’ quello che afferma il World Retail Banking Report (WRBR) 2016 pubblicato da Capgemini ed Efma.

Il mondo bancario si interroga da tempo sugli effetti che l’innovazione tecnologica provoca sulla platea di consumatori di servizi finanziari: sia per ciò che riguarda la disintermediazione dell’accesso ai mercati e alle operazioni di transazione e bonifico, per esempio, sia per come cambia – anche psicologicamente – la relazione e i rapporti di forza tra l’offerta e la domanda di servizi finanziari.

BANCHE VS FINTECH – La ricerca ha evidenziato che quasi due terzi dei clienti (63%) utilizzano oggi prodotti o servizi FinTech e sono propensi a consigliare a parenti e amici il proprio provider FinTech (55%) invece della propria banca (38%). L’indagine conferma che la finanza è fortemente contaminata dalla tecnologia e non può più tornare indietro, ma solo il 13% afferma di avere i sistemi in grado di supportarlo.
Le banche sottostimano il valore attribuito a questi servizi: solo il 36% dei bankers  ha un’esperienza positiva della velocità e della facilità di fruizione dei servizi finanziari hi-tech. Di parere ben diverso l’opinione dei millennials e dei consumatori dei paesi emergenti che considerano la facilità di fruizione un elemento positivo nell’82% dei casi e la velocità un punto di forza nell’81%.

Leggi anche:
Poste, Caio: da oggi più di 3.800 uffici pronti per servizio Spid
Nuova anagrafe digitale, nazionale e con indirizzo di posta certificata

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

FinTech: il business fa progressi e spaventa le banche