Fact checking day, la giornata internazionale contro le bufale online

Il 2 aprile si celebra l'International Fact Checking Day: un utente consapevole è un utente che sa distinguere la verità dalla notizia creata ad arte

Il 2 aprile si celebra l’International Fact-Checking Day, un giorno dedicato alla verifica dei fatti, per combattere le notizie false che circolano ovunque sul web (e non solo). Il giorno scelto, non a caso, è quello che segue il 1 aprile, data dedicata agli scherzi e alle bufale. Il fact-checking si propone come antidoto efficace alle fake news, le notizie false che vengono pubblicate soprattutto sui social e si diffondono come un virus, manipolando completamente la verità.

L’idea di dedicare una giornata alla lotta contro le notizie false nasce dalla volontà di arginare un fenomeno che nell’ultimo periodo è divenuto sempre più uno strumento in grado di orientare l’opinione pubblica e le scelte dei cittadini, anche quelle politiche. La quantità enorme di fake news infatti fa sì che, nel mare magnum di Internet, ormai sia impossibile distinguere le bufale dalla verità. Le trappole e le bugie, come fanno notare i promotori dell’evento, si trovano un po’ ovunque: dalle petizioni online, alle catene di Sant’Antonio, passando per gli annunci trappola sino alle news costruite ad arte per promuovere prodotti o screditare qualcuno.

L’International Fact-Checking Day ha quindi come scopo quello di rendere consapevoli gli utenti e consentire loro di scoprire come difendersi dalle notizie false. Nel mondo esistono già 115 progetti finalizzati a questo, distribuiti in 47 Paesi, con iniziative formative ed educative. Tutte le informazioni sull’iniziativa sono presenti sul sito dell’ente promotore, l’International Fact-Checking Network, che ha sede al Poynter Institute. La prestigiosa scuola di giornalismo in Florida ha deciso di mettere a disposizione per l’occasione una lezione sulle fake news in 10 lingue (italiano compreso) e un quiz. Sono presenti anche le 16 bufale più famose dell’ultimo periodo e un piccolo vademecum per imparare a scoprire le notizie false.

La maggior parte circolano su Google e Facebook, due piattaforme spesso finite nel mirino, perché accusate di agevolare la diffusione delle fake news online. Di recente entrambe hanno lanciato progetti ed iniziative per arginare questo fenomeno e filtrare le notizie, consentendo anche agli utenti di segnalare quelle inventate.

Leggi anche:
Le 3 bufale peggiori del 2016 (VIDEO)
Boldrini lancia BastaBufale: ‘Essere informati e’ un diritto’ (VIDEO)
Facebook aggiorna trending topic: guerra alle notizie false
Addio alle bufale in rete: ecco il controllo delle news di Google
Facebook, lotta alle bufale. Gli utenti potranno segnalarle

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fact checking day, la giornata internazionale contro le bufale online