Ecco gli stage fintech meglio pagati all’estero

Gli stage meglio pagati all'estero: aziende e città in cui è possibile farli, stipendi e aiuti economici per l'affitto della casa a seconda del posto

La maggior parte degli stage meglio pagati all’estero, sono quelli offerti dalle aziende della Silicon Valley, in particolar modo dalle aziende fintech. L’azienda Square ad esempio arriva a pagare fino a 7500$ più altri 1500$ per le spese immobiliari, quando assume un tirocinante. La stesso vale per Amazon che però fa un ulteriore sforzo economico per supportare i neoassunti tirocinanti nelle spese della casa. Ovviamente queste non sono le uniche aziende a pagare stipendi molto elevati. Anche Pinterest ad esempio paga i suoi tirocinanti 7500$ di stipendio più ulteriori 1500$ per le spese di casa. Allo stesso modo Google e Dropbox. Questi stipendi così elevati sono giustificati dal continuo aumento del costo della vita.

Un altro motivo per il quale pagano così tanto i tirocinanti è che per un’azienda è molto più conveniente assumere un giovane di talento pronto ad apprendere ulteriori segreti sul campo di lavoro piuttosto che avvalersi della collaborazione di un recruiter. In pratica le aziende ragionano un po’ come le squadre di calcio che preferiscono comprare giocatori giovani e di talento, pagandoli tanto nell’immediato poichè già sanno che il loro valore entro pochi anni crescerà a dismisura. In pratica un’azienda prende subito un talento in modo tale che col passare del tempo non diventi quasi impossibile da assumere.

Le aziende della Silicon Valley, oltre a pagare così tanto i suoi tirocinanti, offrono loro anche la possibilità di lavorare con il modello del work for equity, ovvero offrono loro alcune azioni dell’azienda, facendoli così partecipare al capitale d’impresa. Insomma ad ogni dipendente viene offerta la possibilità di acquistare delle azioni ad un costo stabilito in precedenza. Questa mentalità è molto diffusa negli Stati Uniti, tanto che alcuni siti di offerte di lavoro danno la possibilità alle aziende di postare oltre al salario che corrisponderanno dopo un’eventuale assunzione, anche le quote di equity. Paradossalmente però la Sylicon Valley è quella che presenta le quote di equity più basse.

Con questo sistema è logico chiedersi cosa ci guadagna la startup e cosa il dipendente. All’azienda conviene in quanto troverà sicuramente dei dipendenti più motivati, poichè disposti a rischiare, rinunciando ad una parte dei diritti di proprietà del loro business e dei loro dividendi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ecco gli stage fintech meglio pagati all’estero