DAO, la prima azienda senza capi nè uffici. E’ solo un codice

Eppure si tratta di un'azienda in grado di fatturare 160 milioni di dollari

Niente ufficio, nè capi, nè impiegati; solo un codicea definire l’identità di un’azienda che è già il più grande progetto finanziato in rete. DAO, acronimo di Dezentrale Autonome Organisation, è nata da un’idea di due fratelli tedeschi e un’azienda partner londinese, ed esiste nell’etere con l’obiettivo di finanziare collettivamente delle startup.

In soli 27 giorni – si legge su Motherboard -, DAO ha raccolto più di 160 milioni di dollari in Ether, una criptovaluta non troppo diversa da Bitcoin, grazie a una folla di finanziatori entusiasti. Certo si tratta di un’organizzazione reale, decentrata, autonoma, che non dipende da interessi personali e non è vincolata da uno stato, dalle banche o dalla legge, che punta a distinguersi dai meccanismi classici per scavalcare gli intermediari tipici di una compagnia di investimenti. Al posto dei capi, che decidono cosa fare del capitale, ci sono dei “Token” che stabiliscono gli importi da investire. Con i fondi vengono acquistate partecipazioni a startup che offrono servizi e applicazioni in rete. Non ci sono manager a stabilire in che progetto investire, il compito spetta ai membri di DAO, ognuno dei quali può proporre dei progetti. Affinché un’iniziativa venga approvata è necessario che sia votata dal 20% dei partecipanti. Il resto viene gestito dal codice, le cui operazioni possono essere monitorate attraverso la Blockchain.

La società di investimenti virtuale non può essere limitata, almeno finché esisterà internet. E non è tassabile perché il codice non ha una sede e l’azienda non ha un proprietario. Tutti gli investimenti vengono regolati da Smart Contract, ovvero da software messi al servizio di un contratto, che lo mettono in atto e lo esaminano automaticamente. I pagamenti, invece, sono sempre veicolati a un obiettivo specifico—se questo viene raggiunto, il denaro viene versato in automatico.

Tuttavia – precisa sempre l’analisi di Motherboard – nemmeno DAO può dirsi totalmente slegata dal fattore umano: una certa preselezione dei progetti da finanziare è attuata da undici cosiddetti curatori, che si pronunciano sulla fattibilità delle proposte e individuano eventuali errori di codice. E possono essere licenziati o sostituiti, se i membri lo decidono.

Leggi anche:
Lavoro addio: “Un robot costerà la metà di un lavoratore”. Le professioni in pericolo
Addio capo: arriva Holocracy, il lavoro senza gerarchie
La svolta green: soldi a chi va a lavorare in bicicletta
Boom green economy: ecco i nuovi mestieri che ci salveranno

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

DAO, la prima azienda senza capi nè uffici. E’ solo un codice