Variante Delta, quale vaccino protegge di più: lo studio inglese

Il monitoraggio dell'Imperial college di Londra sulla produzione di anticorpi a due settimane dal vaccino di Pfizer e AstraZeneca

Il vaccino di Pfizer presenta negli ultra-ottantenni una percentuale maggiore di protezione contro il Covid-19 rispetto al preparato di AstraZeneca. È uno dei risultati del sesto monitoraggio ‘REACT-2’ dei ricercatori dell’Imperial college di Londra che rivela i livelli di anticorpi prodotti dopo le somministrazioni effettuate finora in Regno Unito, dove la diffusione della variante Delta del Sars-CoV-2 è prevalente.

Variante Delta, quale vaccino protegge di più: i dati dello studio REACT-2

Lo studio ha preso in considerazione un campione di 207mila britannici tra il 12 e il 25 maggio, in particolare tra gli adulti che hanno ricevuto un’iniezione con AstraZeneca e con Pfizer.

Secondo i dati raccolti, entrambi i vaccini producono anticorpi contro il coronavirus entro due settimane dall’iniezione in quasi il 100% dei casi.

Ma se con Vaxzevria sono stati registrati livelli di proteine anti-Covid in circa l’85% degli ultra-ottantenni, con Comirnaty la percentuale rilevata è di circa il 98%.

Nelle persone che avevano ricevuto soltanto la prima dose, la presenza di anticorpi nel sangue variava sia per gruppi di età che per tipo di vaccino. La concentrazione più bassa è stata riscontrata nelle persone di età pari o superiore a 70 anni al 32% tre settimane con Pfizer-BioNTech e al 46% per AstraZeneca.

Nei soggetti a cui sono state somministrate entrambe le dosi di Comirnaty, è stata rilevata una concentrazione di anticorpi del 100% a due settimane dal richiamo per le fasce d’età sotto gli 80 anni, e del 97,8% per gli over 80.

Riguardo il vaccino Vaxzevria la prevalenza dopo il richiamo era invece del 100% nei soggetti di età compresa tra 18 e 39 anni, per poi diminuire gradualmente con all’avanzare dell’età fino all’83,6% in quelli di età pari o superiore a 80 anni.

Il divario nella risposta anticorpale è stato però più evidente con la sola prima dose: dal 100% nei 18-24 anni tre settimane dopo Pfizer-BioNTech al 32,3% negli over 70.; tra il 72,2% e il 46,2% nelle rispettive fasce d’età con AstraZeneca.

Variante Delta, studio REACT-2: la protezione con due dosi

“Una percentuale molto più alta di partecipanti aveva anticorpi rilevabili dopo due dosi di vaccino, con una maggiore variabilità dopo una sola. È fondamentale che tutti coloro che possono ottenere la loro seconda dose in modo tempestivo, anche se hanno già avuto il COVID-19.” ha commentato Gaham Cooke, professore di malattie infettive presso l’Imperial college.

“Ciò è particolarmente importante ora, poiché riteniamo che siano probabilmente necessari livelli più elevati di anticorpi per proteggere dalla variante delta, i cui tassi stanno aumentando rapidamente” ha sottolineato il ricercatore.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Variante Delta, quale vaccino protegge di più: lo studio inglese