Arriva il vaccino contro la sclerosi multipla: l’annuncio di Moderna

Moderna inizia la sperimentazione umana del vaccino mRNA per il virus che probabilmente causa la sclerosi multipla

Lo ha annunciato Moderna, dopo il vaccino anti Covid è stata avviata la sperimentazione umana del vaccino mRNA contro il virus che probabilmente causa la sclerosi multipla. È una notizia senza precedenti, che potrebbe cambiare le sorti di molti malati, di oggi e di domani.

Cosa sappiamo del vaccino Moderna contro la sclerosi multipla

Gli studi sono ancora alla loro fase iniziale, ma il nuovo vaccino mRNA contro la sclerosi multipla di Moderna mira a contrastare gli effetti del virus di Epstein-Barr (EBV), un patogeno comune che è la causa principale della mononucleosi e che, secondo uno studio di Harvard pubblicato sulla rivista scientifica Science Thursday, potrebbe essere la causa scatenante la sclerosi multipla (SM).

La notizia, proprio per la sua importanza, ha immediatamente fatto il giro del mondo, offrendo per la prima volta una speranza in più ai malati e ai loro familiari: c’è una reale e concreta possibilità che, perfezionato il vaccino e gli studi, la condizione neurologica degenerativa possa essere prevenuta.

Il candidato vaccino di Moderna contro EBV (mRNA-1189) è in fase di sviluppo per prevenire l’IM indotta da EBV e, potenzialmente, l’infezione da EBV. Simile al vaccino candidato al citomegalovirus (CMV) di Moderna (mRNA-1647), l’mRNA-1189 contiene quattro mRNA che codificano per le glicoproteine ​​dell’involucro EBV (gH, gL, gp42, gp220), che mediano l’ingresso virale nei linfociti B (un tipo di sistema immunitario cellule) e le cellule epiteliali di superficie, i principali bersagli dell’infezione da EBV. Attualmente, non esiste un vaccino approvato per EBV o IM.

In caso di successo, il vaccino – che utilizza la stessa tecnologia a mRNA nel vaccino anti Covid dell’azienda (qui qualche dato in più sull’efficacia) potrebbe essere il primo EBV sul mercato.

“L’EBV è una delle infezioni virali più comuni al mondo e, nonostante causi la mononucleosi infettiva, che colpisce milioni di adolescenti in tutto il mondo, al momento non è disponibile alcun vaccino. Gli adolescenti che sviluppano la mononucleosi infettiva sono spesso assenti da scuola per settimane e anche mesi alla volta, con un impatto sulla qualità della loro istruzione e delle loro famiglie”, ha affermato Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna.

Quando potrebbe arrivare il vaccino Moderna contro la sclerosi multipla

Moderna ha affermato di aver selezionato il primo partecipante allo studio finalizzato a testare il vaccino EBV all’inizio di gennaio e valuterà la sicurezza e il dosaggio dell’iniezione in circa 270 persone, che saranno coinvolte nella sperimentazione.

“L’inizio di questo studio di fase 1 rappresenta una pietra miliare significativa poiché continuiamo a far avanzare i vaccini mRNA contro i virus latenti, che rimangono nel corpo per tutta la vita dopo l’infezione e possono portare a condizioni mediche croniche. Moderna si impegna a sviluppare un portafoglio di primi- vaccini in classe contro i virus latenti per i quali oggi non esistono vaccini approvati, compresi i vaccini contro CMV, EBV e HIV. Il nostro team di ricerca sta lavorando per portare in clinica ancora più vaccini contro i virus latenti. Crediamo che questi vaccini potrebbero avere un profondo impatto sulla qualità della salute per centinaia di milioni di persone in tutto il mondo”, ha scritto l’azienda in una nota stampa.

Non c’è ancora una data ufficiale di messa in commercio, ma gli scienziati, comunque, si dicono abbastanza ottimisti. I risultati dello studio di Harvard sono stati un “grande passo” in avanti, perché per la prima volta hanno trovato un nesso di casualità nel manifestarsi della malattia e, inoltre, suggeriscono che la maggior parte dei casi di sclerosi multipla potrebbe essere prevenuta interrompendo l’infezione da EBV.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Arriva il vaccino contro la sclerosi multipla: l’annuncio di Moderna