Vaccino Pfizer, nuovi aggiornamenti su efficacia contro variante omicron

Il vaccino Pfizer è ancora efficace contro la variante omicron? Gli ultimi aggiornamenti su Pfizer

Mentre la variante omicron corre in tutta Europa, ricercatori e scienziati continuano a studiare le possibili conseguenze sull’evoluzione della curva pandemica, ora che questa nuova mutazione ha preso piede. La vera domanda a cui tutti stanno cercando di dare risposte certe, al momento, resta però una: il vaccino è ancora efficace? A tal proposito, proprio recentemente, nuovi aggiornamenti sono arrivati da parte della società Pfizer-BioNTech.

Il vaccino è ancora efficace contro la variante omicron?

Non si sbilanciano ancora i produttori del vaccino Pfizer, sebbene non ci siano ancora dati in grado di dimostrare che la variante omicron possa in qualche modo “bucare” i vaccini, bisogna procedere con cautela. Ad onor del vero, infatti, non ci sono ancora informazioni sufficienti nemmeno per dimostrare il contrario.

Se il vaccino Covid funziona o meno contro questa nuova mutazione del virus, quindi, ce lo diranno gli studi e le analisi scientifiche, portate avanti in questi giorni dai principali produttori. A tal proposito, Pfizer ha fatto sapere recentemente che potrà fornire indicazioni precise sull’efficacia del suo vaccino contro la variante sudafricana non prima della fine dell’anno. Intanto, in tutta Europa – e non solo – i governi stanno cercando di correre ai ripari, inasprendo le restrizioni anti contagio e incentivando le persone a vaccinarsi (qui l’elenco dei Paesi che potrebbero presto chiudere).

Variante omicron, gli ultimi aggiornamenti sul vaccino Pfizer

Pfizer Inc. disporrà i primi dati che diranno quanto bene il suo vaccino prevenga le infezioni contro la variante omicron entro la fine dell’anno, ha affermato l’amministratore delegato Albert Bourla.

Mercoledì 8 dicembre, Pfizer e BioNTech hanno pubblicato i risultati degli esperimenti effettuati in laboratorio, che si sono concentrati su una possibile “evasione” dei vaccini. La società, tuttavia, sta ancora lavorando con il vero virus. Per questo motivo, ha affermato Bourla, sta continuando a raccogliere prove su come il vaccino si comporta nell’uso comunitario, a partire dai dati raccolti e provenienti dalle strutture sanitarie. In pratica, stanno studiando gli attuali contagiati, positivi alla variate omicron (qui i sintomi Covid più comuni nei pazienti oggi).

La terza dose è davvero efficace contro la variante omicron?

Intanto, mentre l’OMS ha ricordato che sarebbe più strategico ed efficace procedere con la vaccinazione di chi non ha ancora ricevuto nemmeno la prima dose, molti Paesi (Italia compresa) si stanno attrezzando nel portare avanti la campagna vaccinale. Ma la terza dose è davvero efficace contro la variate omicron?

Stando a quanto affermato dal CEO di Pfizer, una terza dose di richiamo “farà il suo lavoro” nel ripristinare alti livelli di protezione. Ciò probabilmente accelererà la somministrazione booster in tutto il mondo, facendo così guadagnare tempo ai produttori, cui obiettivo adesso rimane quello di sviluppare vaccini specifici per questo nuovo ceppo del virus (qui, infatti, abbiamo parlato se e quando sarà necessaria un’eventuale quarta dose contro omicron).

Tutto, pertanto, rimane al momento in fase di aggiornamento, almeno fino alla fine dell’anno.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Pfizer, nuovi aggiornamenti su efficacia contro variante omicr...