Vaccino, le novità del piano Arcuri: le 2 fasi, gli hub di stoccaggio e lo screening di massa

Inizia a delinearsi il piano vaccini che, nei piani del commissario Arcuri, dovrebbero coprire la maggior parte degli italiani entro settembre 2021

Mentre in Gran Bretagna parte la vaccinazione di massa contro il Covid con la somministrazione delle prime dosi del vaccino Pfizer, in Italia inizia a delinearsi meglio il piano vaccini che, nei programmi del “super” commissario Arcuri, dovrebbero coprire tutta la popolazione italiana che lo vorrà fare entro settembre 2021.

Margaret Keenan, 90 anni, è stata la prima cittadina del Regno Unito a ricevere il vaccino anti-Covid. Da noi, sappiamo già che le dosi di vaccino almeno all’inizio saranno limitate, quindi andranno riservate prima ai soggetti più esposti per rischio o per età.

Il piano vaccini di Arcuri

Illustrando alle Regioni gli ultimi aggiornamenti sul piano vaccini, che dovrebbe essere operativo a fine gennaio, Arcuri, da mesi al centro di innumerevoli critiche proprio per le presunte mancanze rispetto alla gestione della pandemia in Italia, ha parlato di oltre 28 milioni di dosi a disposizione entro la fine di marzo, e di un hub in ogni Regione per la distribuzione dei vaccini.

In altre parole, come ampiamente delineato dal commissario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri, dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal Governo, a vaccinarsi per primi nella “più grande vaccinazione di massa in Italia” saranno gli operatori sanitari e quelli essenziali, oltre che i soggetti più fragili, ovvero gli anziani ricoverati nelle Rsa e quelli che sono a casa. Gli italiani che rientrano nelle cosiddette categorie “prioritarie” sono circa 6, 5 milioni, ha detto Arcuri.

Dosi e tempi della vaccinazione anti-Covid in Italia

Nel dettaglio, la prima fase della campagna di vaccinazione riguarderà:

  • 1,4 milioni di operatori sanitari
  • 570mila addetti e ospiti di Rsa
  • 4,4 milioni di anziani over 80.

La somministrazione di massa, invece, è prevista entro il terzo trimestre del 2020, quando arriveranno 131 milioni di dosi.

Hub di stoccaggio

L’hub nazionale di stoccaggio dei vaccini sarà invece il sito della Difesa a Pratica di Mare. Un hub intermodale militare, di ampie dimensioni, ottimale per la successiva distribuzione dei vaccini, in grado di accogliere vettori aerei ed elicotteri, e baricentrico per la connettività stradale, spiegano fonti di Palazzo Chigi.

Le fiale di vaccino verranno concentrate nel sito, in cui sono disponibili shelter (speciali rifugi) di ampie dimensioni, che garantiranno la massima efficacia per la conservazione e i massimi livelli di sicurezza per gli stock. Da lì poi i vaccini saranno distribuiti dalle Forze Armate ai diversi punti di somministrazione su tutto il territorio nazionale, un hub in ogni Regione ha assicurato Arcuri.

Screening di massa

Arcuri ha annunciato anche un’indagine sierologica per valutare qualità e durata della risposta del vaccino sulla popolazione, e la possibilità che anche i medici in pensione e specializzandi possano dare un contributo per sgravare il personale degli enti locali.

Lo screening, eseguito immediatamente prima della vaccinazione (tempo 0) e a distanza di 1, 6 e 12 mesi, sarà effettuato su un campione rappresentativo di vaccinati “stratificati per area geografica, età, genere e stato di salute”, che verrà realizzato sul campo dall’Istituto Superiore di Sanità. L’obiettivo è valutare la specificità della risposta immunitaria, la durata della memoria immunologica e identificare i correlati di protezione.

Le Regioni, dal canto loro, hanno chiesto un’integrazione dei sistemi informatici con quelli regionali, un’anagrafe sanitaria e il coinvolgimento delle farmacie.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino, le novità del piano Arcuri: le 2 fasi, gli hub di stoccaggio...