Vaccini e variante Delta, scoperta italiana spiega il “paradosso” dei vaccinati positivi

Vaccini e variante Delta, scoperta italiana spiega il “paradosso” dei vaccinati positivi

I vaccinati in rari casi possono infettarsi e anche avere una carica virale alta, esattamente come i non vaccinati. Ma con differenze essenziali

Per quanto i no vax si ostinino – più per ideologia che non per conoscenza dei dati scientifici – a sostenere l'inutilità o peggio ancora il danno dei vaccini anti-Covid, i numeri sono palesi ed è bene sottolinearli continuamente. I vaccini proteggono per oltre il 90% dal Covid grave, dal rischio ospedalizzazione e dalla morte. Tuttavia, ciò non significa che un vaccinato non si possa comunque infettare o non possa trasmette il virus, anche da asintomatico.

Registrati a QuiFinanza per continuare a vedere questo contenuto

Bastano pochi click (ed è totalmente gratuito)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccini e variante Delta, scoperta italiana spiega il “paradosso...