Test di medicina 2021, cosa cambia: serve il green pass?

Per i canditati c'è l'obbligo di Green Pass e non solo: tutto quello che c'è da sapere

Innanzitutto alcuni numeri. Quello più importante, la data. E la quantità di posti disponibili in tutti gli atenei italiani, per quanto riguarda i corsi di Medicina. Come tutti gli anni, si terranno i test per l’ingresso ai corsi di laurea per diventare medici, anche se con quale specificità dettata dalla persistenza del Covid. Il giorno fissato per la prova d’ingresso del 2021 è il 3 settembre, quando i test a punteggio si terranno nello stesso giorno in diverse università d’Italia. I posti disponibili sono invece 14.020, in crescita del 7% rispetto al 2020.

Qual è il punteggio minimo per superare il test di Medicina

Vale innanzitutto la pena precisare che la soglia minima per l’accesso varia a seconda dell’ateneo, ma generalmente il punteggio al di sotto del quale non scendere, pena l’ingresso, è di 20 punti. La variazione del punteggio minimo da totalizzare dipende dal numero di posti disponibili.

Non si sa molto altro: i punteggi minimi per l’ingresso saranno infatti comunicati il 28 settembre, lo stesso giorno in cui la graduatoria nazionale di merito nominativa sarà pubblicata online sul portale Universitaly. L’anno scorso il punteggio minimo più basso è stato di 39,5 ed è stato registrato a Messina. Nel 2019 il più basso era stato di 41,4. Il punteggio più alto del 2020 era stato totalizzato a Milano Bicocca, ed era stato pari a 57,8. Per punteggio minimo si intende il punteggio più basso ottenuto dal candidato che occupa l’ultimo posto disponibile in graduatoria.

Cosa portare al test di Medicina del 3 settembre 2021

Da non dimenticare assolutamente, pena l’esclusione dalla prova, un documento di identità valido, la ricevuta di iscrizione al test e la ricevuta di pagamento del bollettino di iscrizione – in copia originale.

Insieme ad alcune cose da avere necessariamente con sé, ce ne sono altre che si dovranno essere lasciate obbligatoriamente a fuori dall’aula della prova: si tratta di dispositivi elettronici, in primis lo smartphone, e poi strumenti di cancelleria, volumi, quaderni e fogli bianchi. Non è ammesso l’utilizzo della calcolatrice.

Alla prova di Medicina 2021 sarà poi obbligatorio il Green Pass, che i candidati dovranno esibire per poter prendere parte ai test. Si tratta di una novità di quest’anno: mentre non stupisce l’obbligatorietà di avere con se la mascherina, che dovrà essere un modello Ffp2.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Test di medicina 2021, cosa cambia: serve il green pass?