Super Green pass, cosa cambia per chi ha già prenotato le vacanze di Natale

Le novità, i limiti e le restrizioni ai viaggi valide a partire dal 6 dicembre 2021

Nessuno sconto ai no vax: conclusa la riunione con la cabina di regia e sentito il parere delle regioni, il Governo ha confermato l’introduzione del cd. “super green pass” a partire dal 6 dicembre. Per tutto il periodo natalizio e fino a conclusione delle feste (di preciso fino al 15 gennaio 2022), per i non vaccinati saranno valide restrizioni più rigide, con nuove regole introdotte anche per viaggi, vacanze e soggiorni turistici.

Vediamo, nello specifico, che cosa cambia.

Cosa cambia per chi ha già prenotato le vacanze di Natale

Per alberghi e attività ricettive in generale, dal 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022, entrerà in vigore un nuovo protocollo anti Covid. Nello specifico, come previsto dal decreto (scarica qui il decreto super green pass in pdf), per soggiornare in un hotel sarà necessario essere in possesso del green pass. La certificazione verde, fino ad ora, non era mai stata richiesta per i soggiorni (turistici, di lavoro o personali) agli ospiti delle strutture alberghiere, tranne in presenza di servizi di ristorazione aperti all’esterno.

A differenza di molte altre attività, basterà il green pass “classico”, ovvero quello che si può ottenere anche a seguito di esito negativo di un tampone rapido o test molecolare anti Covid.

Natale blindato? Cosa cambia per gli spostamenti

Per quanto riguarda invece i viaggi in Italia, in questo caso il Governo ha deciso di confermare le disposizioni relative agli spostamenti di lunga tratta: il tampone negativo pertanto rimane sufficiente per ottenere il green pass per andare al lavoro e viaggiare su treni ad alta velocità e aerei.

La novità principale, invece, riguarda i trasporti pubblici locali: per questi, infatti, sarà introdotto per la prima volta la certificazione verde Covid. Qui tutte le novità annunciate da Draghi.

Attenzione però alle vacanze all’estero perché, a seconda del Paese di destinazione scelto, potrebbero cambiare le regole di accesso. Per questo motivo, prima di ogni partenza, è consigliabile consultare il sito governativo viaggiaresicuri.it, costantemente aggiornato sulle regole in vigore nei luoghi di partenza e destinazione.

Quando servirà il super green pass: le attività chiuse ai non vaccinati

Sostanzialmente, per partire durante il periodo natalizio – in Italia – basta il tampone. Ricordiamo, però, che il tampone molecolare ha una durata di 72 ore, mentre quello rapido di 48 ore. A seconda della durata del soggiorno, quindi, per prendere un mezzo (aereo, treno o bus) per gli spostamenti in generale e/o per il ritorno potrebbe essere necessario fare più test.

Ai non vaccinati, inoltre saranno precluse molte attività. Per accedere a locali aperti al pubblico con servizio ai tavoli, palestre e spogliatoi, cinema e teatri, stadi, discoteche e la partecipazione a spettacoli ed eventi che prevedono la partecipazione di più persone sarà necessario infatti il cd. “super green pass”, rilasciato solo ai guariti dal Covid (da meno di 6 mesi) e a chi ha completato la vaccinazione.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Super Green pass, cosa cambia per chi ha già prenotato le vacanze di ...