Spiagge e stabilimenti balneari, il calendario delle riaperture per Regione

In alcune località, si potrà andare in spiaggia già questo weekend. Ma non tutti gli stabilimenti sono pronti e le Regioni procedono in ordine sparso

L’ultimo Decreto approvato dal Governo ha previsto la possibilità di riaprire le spiagge italiane dal 18 maggio, data che ha segnato la ripartenza di molte attività economiche. Si prospetta, quindi, un weekend di mare in alcune località, ma non tutti gli stabilimenti sono pronti a ripartire.

Le prescrizioni per le spiagge

L’intesa tra Esecutivo e Amministrazioni regionali, infatti, ha messo a punto linee guida precise per garantire la sicurezza di bagnanti e lavoratori, che richiedono una certa preparazione per i gestori degli stabilimenti. Le prescrizioni stabilite sono le seguenti:

  • deve essere rispettata la distanza di sicurezza di un metro tra le persone;
  • a ogni ombrellone deve essere riservata un’area di 10 metri quadrati (quindi le postazioni devono essere distanziate di circa 3-3,5 metri l’una dall’altra);
  • i lettini e le sdraio devono essere collocati a un metro e mezzo di distanza;
  •  non sarà possibile effettuare giochi di squadra come beach volley, ma si potrà giocare a racchettoni, praticare surf, nuoto e windsurf nel rispetto delle misure di distanziamento.

Tra le sfide maggiori, quella di regolamentare l’accesso alle parti libere di arenili e scogliere, evitando che si formino assembramenti di bagnanti. La riorganizzazione degli spazi degli stabilimenti balneari richiede, poi, tempo e preparazione, e le Regioni si stanno muovendo in ordine sparso.

Veneto

Tra le prime Regioni a riaprire c’è il Veneto, dove gli stabilimenti balneari possono riprendere le proprie attività già dal 18 maggio. A Jesolo, una delle località marittime più note della Regione, sono già arrivati i primi bagnanti, anche se non i turisti tedeschi che sono soliti frequentare quei lidi.

Il 23 maggio riapre la spiaggia del Blue Moon a Venezia, inizialmente nel tratto centrale, mentre da venerdì 29 maggio aprirà anche l’area degli stabilimenti di Lungomare D’Annunzio e San Nicolò: lo ha comunicato Venezia Spiagge, società del Comune che ha in concessione una larga parte dell’arenile del Lido.

Liguria

Via libera dal 18 maggio anche alle spiagge libere e a quelle libere attrezzate in Liguria. A Genova, però, i bagnanti non potranno recarsi al mare questo weekend, poiché le spiagge sono ancora in fase di allestimento. Per il capoluogo, l’apertura è rimandata a fine maggio.

Un’ordinanza regionale ha stabilito inoltre che, “per la sola stagione balneare 2020, al fine di concedere ai concessionari demaniali il tempo necessario per l’allestimento delle attrezzature balneari, l’obbligo di apertura al 1° giugno, per gli stabilimenti balneari e le spiagge libere attrezzate, è posticipato al 15 giugno“. E se Ventimiglia è stato il primo Comune ad avere riaperto il 17 maggio, a Sanremo la stagione balneare inizierà il 3 giugno e si concluderà il 30 settembre.

Emilia Romagna

In Emilia Romagna la data fatidica è invece il 23 maggio, e non il 25 come era stato precedentemente previsto. La Regione adotterà protocolli più stringenti rispetto alle linee-guida nazionali: la superficie minima a ombrellone sarà infatti di 12 metri quadrati, a Rimini di 18.

In spiaggia, ci sarà l’obbligo di accompagnamento dei clienti alle postazioni da parte degli steward, mentre i pasti, se non potranno essere serviti in aree capaci di garantire il distanziamento sociale, saranno ordinati con un servizio di delivery e consumati all’ombrellone.

Puglia

In Puglia, la data scelta è il 25 maggio: “Dopo aver mappato il litorale e analizzato le situazioni da gestire, stiamo lavorando per far sì che lunedì 25, come da ordinanza regionale, le spiagge libere siano fruibili con i dovuti accorgimenti”, ha spiegato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso. E ha annunciato: “Fino a domenica installeremo la cartellonistica predisposta sulla base delle indicazioni regionali e nazionali, per ricordare a tutti i cittadini che il comportamento controllo più efficace su comportamenti che possano essere a rischio o meno possono effettuarlo soltanto loro stessi, seguendo quelle regole basilari che ormai tutti conosciamo”.

Toscana

In alcune zone della Toscana, come in Versilia, alcuni stabilimenti riapriranno già questo weekend. A Forte dei Marmi (Lucca), ripartiranno “Le Boe”, sulla spiaggia di Levante, e “Le Dune” su quella di Ponente. Anche a Viareggio (Lucca) alcuni stabilimenti riapriranno già sabato.

 

 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Spiagge e stabilimenti balneari, il calendario delle riaperture per Re...