Chi è Signorini, direttore generale di Bankitalia: prende il posto del ministro Franco

Il nuovo direttore generale della Banca d'Italia prende l'incarico lasciato dal ministro dell'Economia del governo Draghi, Daniele Franchi

Il nuovo direttore generale della Banca d’Italia è Luigi Federico Signorini, già vicedirettore generale. Lo ha deciso il Consiglio superiore in seduta straordinaria, su indicazione del governatore Ignazio Visco. La nomina deve ora essere approvata da un decreto del presidente della Repubblica promosso dal presidente del Consiglio e dal ministro dell’Economia, l’ex direttore generale Daniele Franco.

Classe 1955, il nuovo direttore generale di Bankitalia è entrato nel direttorio dell’organismo e dell’Istituto per la Vigilanza sulle assicurazioni (Ivass), come vice, nel 2013. Signorini è membro del Comitato di Basilea, del Board of Supervisors dell’Autorità bancaria europea e fa parte dei vertici di altri organismi di vigilanza europei e internazionali.

La carriera di Signorini, nuovo direttore della Banca d’Italia

Luigi Federico Signorini si è laureato nel 1979 in economia all’Università di Firenze, e ha poi proseguito gli studi alla Harvard University con una borsa Mortara della Banca d’Italia. Tra il 1975 e il 1982 è stato giornalista, insegnante e consulente legislativo regionale.

Nel 1982 è entrato nel Servizio studi della Banca d’Italia, occupandosi di struttura e politica industriale e in un secondo momento di analisi congiunturale, sviluppando strumenti analitici e previsi. Tra la metà degli anni ’80 e la metà degli anni ’90 è passato al Nucleo regionale di ricerca economica a Firenze, delineando i meccanismi alla base del programma per i distretti industriali Terza Italia.

Tra il 1994 e il 1996 ha iniziato la collaborazione con il premier Lamberto Dini come consulente e scrittore di discorsi pubblici.

Dal 1995 Signorin è tornato al Servizio studi come cordinnatore dei Nuclei regionali e dirigente del Settore reale. Nel 1998 è stato nominato capo della Direzione statistica del Servizio studi e nel 2007 ha assunto la guida del Servizio statistiche economiche e finanziarie.

Dal 1998 al 2008 è stato membro del Comitato statistico della Banca centrale europea, del Comitato per le statistiche monetarie, bancarie e della bilancia dei pagamenti dell’Unione europea e di altri organismi statistici internazionali.

Dopo il periodo come capo del servizio Normativa e politiche di vigilanza, con cui ha seguito gli interventi successivi alla crisi e diretto le iniziative normative per la trasparenza bancaria, dal 2009 ha assunto la guida del servizio Supervisione sui gruppi bancari. Per un anno, fino al 2013, è stato Funzionario generale preposto all’Area vigilanza bancaria e finanziaria.

Le pubblicazioni di Signorini, nuovo direttore della Banca d’Italia

Il nuovo direttore generale Luigi Federico Signorini ha all’attivo diverse pubblicazioni che riguardano la struttura economica dell’Italia, l’analisi congiunturale, la metodologia statistica ed economica. Ha inoltre scritto a quattro mani, con Ignazio Visco, un libro divulgativo sull’economia del Belpaese e curato due volumi di studi sui distretti industriali.

Signorini era tra i nomi del totoministri per coprire il ruolo di capo del Mef del governo Draghi, poi andato al suo predecessore Daniele Franco.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Chi è Signorini, direttore generale di Bankitalia: prende il posto de...