A scuola senza mascherina, ma occhio: con questi sintomi è ancora obbligatoria

Scuola al via lunedì 12 settembre per oltre 7 milioni di studenti in tutta Italia. Grande novità è l'addio alle mascherine. Ma ci sono importanti eccezioni

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

Scuola al via lunedì 12 settembre per oltre 7 milioni di studenti in tutta Italia. I primi a rientrare in classe sono stati, lo scorso 5 settembre, gli alunni della Provincia di Bolzano. Da oggi si riparte, secondo i calendari stabiliti da ciascuna Regione, in Abruzzo, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e nella Provincia di Trento.

Martedì 13 settembre tocca agli alunni della Campania, mercoledì 14 le lezioni riprendono in Calabria, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna e Umbria. Giovedì 15 ritorno in classe anche per i bambini e i ragazzi di Emilia-Romagna, Lazio e Toscana, e, fine, lunedì 19 settembre tocca a Sicilia e Valle d’Aosta.

Qui trovate il calendario scolastico 2022/2023 di ciascuna regione, compresi ponti e festività e anche tutte le info utili su quando chiudono le scuole per le elezioni del 25 settembre.

Obiettivo prioritario di questo anno scolastico, la massima continuità scolastica in presenza e il minimo impatto delle misure di mitigazione sulle attività scolastiche, si legge nella circolare ISS in cui sono state date indicazioni sulle regole del nuovo anno scolastico 2022/2023. Finalmente – lo possiamo dire – è un ritorno alla normalità, dopo quasi 3 anni di pandemia.

I fattori determinanti da tenere in considerazione nella definizione delle misure sono comunque sempre l’intensità della circolazione del virus, le caratteristiche delle varianti, le forme cliniche che possono determinarsi in età scolare e non, la copertura vaccinale e la necessità di proteggere soggetti fragili a maggior rischio di malattia severa (qui cosa sappiamo oggi sull’immunità in seguito all’infezione e quanto dura).

Scuola senza mascherina: ma occhio alle eccezioni

Una vera e propria stangata sui libri è toccata quest’anno alle famiglie (qui le cifre e perché è sempre più difficile trovare i libri), ma la novità più grande è senz’altro l’addio alle mascherine.

Studenti, insegnanti e personale ATA non hanno più l’obbligo di mascherina a scuola. E si torna ad avere banchi vicini e mangiare tutti in mensa. Ma attenzione: perché ci sono delle eccezioni.

Salvo un peggioramento della situazione generale Covid o scolastica, l’ISS prevede per il ritorno a scuola che a indossare le mascherine di tipo FFP2 obbligatoriamente siano solo:

  • il personale scolastico a rischio di sviluppare forme severe di Covid
  • gli studenti a rischio di sviluppare forme severe di Covid

Viene previsto poi l’obbligo di mascherine anche solo chirurgiche (e quindi non necessariamente le FFP2) per:

  • gli studenti con sintomi respiratori di lieve entità, come raffreddore e/o tosse, ma in buone condizioni generali, che non presentino febbre L’obbligo resta fino alla fine dei sintomi. L’ISS ricorda che, soprattutto nei bambini, il semplice raffreddore è una condizione frequente e non può essere sempre motivo in sé di non frequenza o allontanamento dalla scuola in assenza di febbre.

Qui tutte le nuove regole a scuola per l’anno scolastico 2022/2023.

Dove comprare mascherine a prezzo scontato

Ricordiamo che sono tantissimi i modelli di mascherine in circolazione: si possono acquistare sia online che nei supermercati, in farmacia o nei negozi. Su Amazon per esempio:

Mascherina chirurgica più venduta:

ALFAMED 50 Mascherine Chirurgiche 100% Made in ITALY Certificate CE, 3 Strati Traspirante Con Nasello Regolabile

Mascherina chirurgica più venduta di colore nero:

BLACK SHIELD 100 Pezzi Mascherine Chirurgiche Certificate CE Nere 3 veli – Dispositivo Medico di Tipo I

Mascherina Amazon’s Choice in tantissimi colori:

Mascherine per bambini colorate: