Scuola, 4 diversi tipi di quarantena con un positivo in classe

La scuola riparte in quasi tutta Italia, si tratta del terzo anno segnato dal Covid: ma rispetto a quello passato ci sono importanti novità

La scuola è pronta a cominciare in tutta Italia. Lunedì 13 settembre saranno circa 4 milioni gli studenti che torneranno in classe, per il terzo anno scolastico segnato dalla pandemia (le ultime regioni che riapriranno le aule saranno Puglia e Calabria, il 20 settembre). Ci sarà anche la piattaforma nazionale per il controllo del Green Pass negli istituti, ufficialmente operativa secondo quanto dichiarato dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.

L’obiettivo è non tornare in Dad. Ma cosa succede nel caso di un positivo all’interno della classe? E agli alunni comunque vaccinati? Ci sono quattro 4 scenari diversi.

Scuola, 4 diversi tipi di quarantena con un positivo in classe

Rispetto agli scorsi, questa volta alcuni studenti (sopra i 12 anni) potrebbero essere vaccinati. Pertanto, regole e le tempistiche dei rientri in classe dopo la segnalazione di un caso in una classe non saranno uguali per tutti. Gli scenari possibili, infatti, sono 4:

  • persone non vaccinate: 10 giorni di quarantena, con tampone tra il 10° e il 14° giorno dall’ultimo contatto con il positivo;
  • persone vaccinate: 7 giorni di quarantena, con test molecolare alla fine dell’isolamento;
  • a prescindere dal vaccino, senza sintomi e senza il sospetto (o la conferma) che si tratti di variante Beta: 14 giorni di quarantena. Nel caso di variante Beta, 10 giorni di isolamento e tampone obbligatorio;
  • quarto scenario: isolamento di 21 giorni per coloro che sono risultati positivi, ma che non hanno più sintomi da 7 giorni (modalità non valida per la variante Beta).

Scuola, rientro in classe: quali sono le regole

Se per il personale scolastico è obbligatorio il Green Pass, lo stesso non si può dire per gli studenti. Anche loro, però, dovranno seguire delle regole:

  • mascherina obbligatoria (dai 6 anni): rispetto all’anno scorso, gli alunni seguiranno le lezioni in presenza anche nel caso in cui – per ragioni di spazi – non si potrà garantire il metro di distanziamento. Nel caso in cui un ragazzo disabile, ad esempio non udente, chiedesse la mascherina trasparente, verrebbe fornita anche a tutta la classe (l’anno scorso era fornita solo a studente e docente). Le mascherine si potranno togliere in mensa e durante l’ora di educazione fisica;
  • scaglionamento degli orari di ingresso e di uscita: per le scuole dell’infanzia, elementari e medie si entrerà a intervalli di 10-15 minuti per evitare assembramenti all’esterno. Doppio orario, invece, per le superiori: alcune Regioni hanno scelto di fissare il primo turno alle 8 e il secondo alle 9:40, ma ogni provincia può regolarsi in base ai mezzi di trasporto;
  • attività extracurriculari: solo in zona bianca

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, 4 diversi tipi di quarantena con un positivo in classe