Scuola, le nuove linee-guida per il trasporto: cosa fare e cosa no sugli autobus

Cosa devono fare gli studenti prima e dopo essere saliti sul bus. Tutte le informazioni stabilite nel nuovo documento del Cts

Mentre cresce il fronte delle Regioni che intendono posticipare il rientro a scuola rispetto al 14 settembre (qui trovate tutte le date al momento confermate), in conferenza unificata sono state approvate oggi le linee-guida per il trasporto pubblico per la scuola del ministero dei Trasporti.

Per aumentare le corse dei mezzi di trasporto, soprattutto durante le ore di punta, possono essere destinate ai servizi di linea per trasporto anche le auto a uso di terzi attraverso procedure semplificate per l’affidamento dei servizi. Ma, soprattutto, vengono fissate le nuove regole per il trasporto sugli scuolabus o autobus dedicati agli studenti.

Le regole da seguire

A scuola, dicono le ricerche, i bambini corrono rischi molto limitati di ammalarsi gravemente di Coronavirus, ma è necessario mantenere regole ferree. Anche nel trasporto pubblico locale le indicazioni parlano chiaro.

Il distanziamento di un metro non è necessario nel caso si tratti di persone che vivono nella stessa unità abitativa, nonché tra i congiunti e tra persone che intrattengono rapporti interpersonali stabili.

Per tutti gli altri le regole sono le seguenti:

  • misurazione della febbre a casa degli studenti prima della salita sul mezzo di trasporto
  • assoluto divieto di far salire studenti in caso di febbre o nel caso in cui gli stessi siano stati in diretto contatto con persone affette da infezione Covid-19 nei quattordici giorni precedenti la salita sul mezzo per raggiungere la scuola
  • per gli scuolabus è previsto un riempimento dei mezzi non superiore all’80% dei posti consentiti, prevedendo una maggiore riduzione dei posti in piedi rispetto a quelli seduti
  • solo per viaggi che durano al massimo 15 minuti si può arrivare alla capienza massima
  • sospensione, previa autorizzazione dell’Agenzia per la mobilità territoriale competente e degli Enti titolari, della vendita e del controllo dei titoli di viaggio a bordo e dell’attività di bigliettazione a bordo da parte degli autisti
  • installazione di apparati, dove possibile, per l’acquisto self-service dei biglietti, che dovranno essere sanificate più volte al giorno, contrassegnando con specifici adesivi le distanze di sicurezza.
  • igienizzazione, sanificazione e disinfezione del mezzo di trasporto almeno una volta al giorno
  • areazione, possibilmente naturale, continua del mezzo di trasporto
  • messa a disposizione all’entrata di appositi detergenti per la sanificazione delle mani degli studenti
  • la salita degli alunni avverrà evitando alla fermata un distanziamento inferiore al metro e avendo cura che gli alunni salgano sul mezzo in maniera ordinata, facendo salire il secondo passeggero dopo che il primo si sia seduto
  • la distribuzione degli alunni a bordo sarà compiuta anche mediante marker segnaposto
  • durante il viaggio gli studenti indosseranno una mascherina di comunità, per la protezione del naso e della bocca (la regola non si applica agli alunni di età inferiore ai 6 anni, nonché agli studenti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo dei dispositivi di protezione delle vie aeree)
  • il conducente dovrà indossare i dispositivi di protezione individuale
  • per la discesa dovranno essere seguite procedure specifiche per cui dovranno scendere, uno per uno, evitando contatti ravvicinati, prima i ragazzi vicino alle uscite, gli altri avranno cura di non alzarsi dal proprio posto se non quando il passeggero precedente sia sceso e così via
  • collocazione di sistemi di videosorveglianza e/o telecamere intelligenti per monitorare i flussi ed evitare assembramenti, eventualmente con la possibilità di diffusione di messaggi sonori/vocali scritti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, le nuove linee-guida per il trasporto: cosa fare e cosa no sug...