Scuola, si comincia: da green pass a mascherine, tutto quello che c’è da sapere

Le norme da rispettare per un rientro in classe in sicurezza: ingressi scaglionati, durata delle lezioni

Lunedì 6 settembre i primi giovani italiani metteranno piede in classe, insieme a loro, nelle scuole dell’Alto Adige ci saranno insegnanti e collaboratori scolastici. È un nuovo inizio. Per non ricorrere, per il secondo anno di fila, alla didattica a distanza, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha predisposto un rientro il quanto più possibile in sicurezza. Come cambierà la scuola nei prossimi mesi? Un vademecum.

Anno scolastico 2021/22: controllo del green pass, obbligo di mascherine, ingressi scaglionati

Presidi, docenti, amministrativi, bidelli: tutti devono essere il possesso del green pass, che sarà controllato su base quotidiana dai collaboratori scolastici tramite l’app “VerificaC19”. In seguito – dal 13 settembre – dovrebbe debuttare la piattaforma a disposizione delle segreterie tramite la quale sarà possibile controllare, ogni mattina, chi ha il pass valido e chi no.

Le mascherine saranno obbligatorie per tutti, tranne per i bambini di asili nido e materne e per gli studenti con disabilità. Resteranno aperte tutto l’anno, anche con il maltempo, le finestre. Contestata dai presidi l’ipotesi di eliminare le mascherine nelle classi al 100% immunizzate: “Non creare aule privilegiate”.

Gli ingressi saranno scaglionati. Si parte dalla fascia 8 – 8,30. Il secondo ingresso è previsto un’ora dopo. La misura serve a evitare assembramenti all’entrata e sui mezzi pubblici – che potranno essere pieni soltanto al massimo all’80%. Non tutte le regioni vi si sono adeguate: in Puglia, ad esempio, l’ingresso sarà unico.

Negli istituti scolastici ingressi scaglionati e orari delle lezioni ridotti. Quanto dura la quarantena

Di conseguenza, lì dove l’ingresso è stato scaglionato le lezioni saranno di 50 o 55 minuti. Si punta a tornare ai 60 quanto prima. Al momento il 60% degli studenti vaccinabili è immunizzato.

Predisposti anche degli screening a campione, che saranno a carico delle amministrazioni regionali: cosa succederà in caso di positività al Covid? La durata del periodo di isolamento dipende da se si è vaccinati o no: i soggetti vaccinati dovranno restare in quarantena un minimo di 7 giorni, quindi ottenere il risultato negativo al test-Covid. Per i non vaccinati è previsto un isolamento di 10 giorni. È possibile inoltre rinunciare al test. In questo caso la quarantena dovrà durare però 14 giorni.

Qui altri dettagli sulla scuola del 2020, in particolare riguardanti le assunzioni. C’è chi inoltre ha invitato a non sottovalutare, neanche durante la pandemia, i problemi atavici della scuola italiana – qui alcuni esempi.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, si comincia: da green pass a mascherine, tutto quello che c’...