Scuola, un’app per il green pass: il piano del ministero sui controlli

Il ministro dell'Istruzione ha preannunciato una piattaforma che aiuterebbe i presidi a controllare il personale in regola col green pass nel rispetto della privacy

Aveva promesso di non lasciare i presidi da soli nell’attuazione del protocollo per il ritorno a scuola in sicurezza e adesso il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha annunciato la creazione di una piattaforma informatica per gestire i green pass del personale scolastico, recependo le osservazioni sulla privacy sollevate dal Garante.

La novità affiancherà la ripresa delle lezioni in presenza da settembre per sostenere i dirigenti scolastici nel controllo di insegnanti e operatori scolastici in regola, a prescindere se si siano voluti sottoporre o meno al vaccino contro il Covid-19.

Scuola, un’app per il green pass: come funzionerà

Si tratterà, infatti, di una piattaforma informatica a disposizione delle segreterie degli istituti che permetterà ogni mattina di passare in rassegna i green pass senza controllo manuale.

Secondo le anticipazioni, questa sorta di applicazione, diversa da quella utilizzata nelle attività che richiedono il green pass per entrare, si comporterà come un semaforo segnalando, accanto ad ogni nominativo nell’elenco del personale, la luce verde o rossa a seconda se si rientra o meno nelle regole stabilite dal ministero per lavorare a scuola.

Una semplice connessione telematica con una banca dati che non fornirà ulteriori dati sensibili: chi controlla non potrà sapere se l’insegnante o collaboratore scolastico avrà fatto ottenuto o meno il green pass perché vaccinato, né con quante dosi o da quanto, oppure guarito dal Covid-19 o si è sottoposto al tampone.

Oppure se è privo della certificazione verde perché è esente o si rifiuta di immunizzarsi oppure si è ammalato o ancora gli è scaduta.

In caso di “disco rosso” scatterebbero le verifiche sulla situazione del singolo per appurare se sia realmente impossibilitato a tornare a lavoro e dopo 5 giorni di assenza ingiustificata si procederebbe con la sospensione dello stipendio.

Scuola, un’app per il green pass: il personale non ancora vaccinato

“Stiamo lavorando con presidi e il Garante per avere uno strumento semplice e facile che permetta ai presidi tutte le mattine di controllare chi ha disco il verde e chi il disco rosso” ha dichiarato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, spiegando come la mancata adesione e relativa contestazione alle regole previste per la scuola riguardi soltanto una sigla sindacale dei presidi e non tutto il comparto.

Sulla soluzione il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli h a detto che “bisogna saperne di più. Abbiamo avuto poche anticipazioni. Ma mi sembra sia ciò che abbiamo chiesto e che consentirebbe di effettuare i controlli direttamente dalla segreteria al mattino su interrogazione alla banca dati green pass. Potremo avvalerci – suggerisce – dei fondi messi a disposizione dal Ministero per assumere in ogni scuola una persona in più da dedicare a questa funzione”.

Secondo l’ultimo report settimanale della struttura guidata dal commissario straordinario all’emergenza Covid-19 Francesco Figliuolo, il personale scolastico che non ha ancora ricevuto nemmeno una dose del vaccino anti-coronavirus risulterebbe del 12,8% del totale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Scuola, un’app per il green pass: il piano del ministero sui control...