Saldi invernali 2021, le date nel Lazio

Nonostante il Covid e la situazione contagi che torna ad essere complicata, saldi invernali al via martedì 12 gennaio in un'altra Regione

Nonostante il Covid e la situazione contagi che torna ad essere complicata, saldi invernali al via sabato 2 gennaio, ma solo in tre Regioni.

Settore moda, disastro fatturato e lavoro

Secondo le stime della Federazione Moda Italia-Confcommercio, su 115mila punti vendita del fashion almeno 20mila rischiano di abbassare le serrande. I fatturati delle imprese subiranno una flessione importante, con un calo di oltre 20 miliardi di euro di consumi. Anche l’occupazione ne risentirà duramente, con una perdita stimata di 50mila posti di lavoro su 310mila complessivi.

Grazie ai saldi gli esercizi commerciali incassano la liquidità necessaria per pagare tasse, dipendenti, fornitori, affitti, costi fissi e utenze e sono in grado di far fronte agli investimenti necessari agli ordinativi delle nuove collezioni.

Quest’anno mai come prima Federazione Moda Italia-Confcommercio pone un problema di concorrenza e di democrazia economica rispetto alle politiche commerciali dei colossi del web, che ottengono nel nostro Paese grandi ricavi pagando bassissime tasse. Secondo loro occorre una web tax per poter operare sullo stesso mercato a parità di regole.

Come anticipato, vista la situazione emergenziale che torna a preoccupare, con l’indice Rt che riprende quota, alcune Regioni hanno fatto slittare la data di inizio dei saldi (qui trovate il calendario definitivo Regione per Regione).

Saldi invernali 2021: dove iniziano martedì 12 gennaio

Martedì 12 gennaio 2021 i saldi prendono il via solo in un’altra Regione: il Lazio, con possibilità di effettuare promozioni anche nel periodo antecedente.

Nel Lazio, 30 giorni prima l’inizio dei saldi sarà possibile effettuare vendite promozionali. Un orientamento che è maturato a seguito delle esigenze e delle problematiche delle imprese del settore esposte dai rappresentanti del commercio al dettaglio e della grande distribuzione, che si sono dette tutte favorevoli a questa scelta, motivata dall’attuale situazione legata alla pandemia.

La possibilità per i commercianti di derogare al divieto di promuovere vendite promozionali nei 30 giorni che precedono l’inizio dei saldi è dovuta alla modifica al Testo Unico del Commercio (Tuc) approvata all’unanimità il 27 maggio scorso dal Consiglio Regionale: la modifica prevedeva questa possibilità per tutto il perdurare dell’emergenza legata al Covid-19.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Saldi invernali 2021, le date nel Lazio