Riaperture e stop coprifuoco, arrivano le zone bianche: dal 1° giugno tre Regioni, dal 7 altre tre

Da giugno alcune Regioni dovrebbero passare in zona bianca: quali parametri servono e cosa si può fare e cosa no

In vista dell’estate alle porte e con una situazione epidemiologica decisamente favorevole, il governo Draghi ha deciso di allentare in anticipo le restrizioni anti-Covid e far ripartire prima una serie di attività, elencate nel nuovo decreto Riaperture (qui trovate il calendario aggiornato con tutte le riaperture definitive).

Non solo. L’altra buona notizia emersa dalla Cabina di regina del Governo di lunedì 17 maggio è che tornano le zone bianche. Tutta l’Italia sarà gialla (ad oggi solo la Valle d’Aosta è arancione “speciale” ma punta alla promozione) e da giugno alcune Regioni dovrebbero passare in zona bianca, se saranno mantenuti i parametri molto positivi di queste settimane.

Zona bianca, i parametri per entrarci

Ma cosa significa zona bianca? Sulla base di quanto indicato nel decreto 14 gennaio 2021 che l’ha istituita, in questa area si collocano le Regioni che presentino questi parametri:

  • rischio basso (scenario di tipo 1)
  • incidenza dei contagi, per 3 settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100mila abitanti.

Cosa si può fare in zona bianca

Cosa si può fare e cosa no in zona bianca? Di fatto in questa fascia di colore non si applicano le misure restrittive previste per le zone gialle, arancioni o rosse e le varie attività commerciali si svolgono rispettando specifici protocolli.

Soprattutto, via il coprifuoco (il nuovo decreto Riaperture fissa già il coprifuoco prima 1 ora in avanti, poi 2 e infine lo abolisce: tutte le info qui). Possono comunque essere adottate con decreto specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

Zona bianca, gli obblighi e i divieti ancora in vigore

Anche in zona bianca, tuttavia, restano alcune restrizioni:

  • obbligatorio l’uso della mascherina all’aperto, coprendo sempre bocca e naso contemporaneamente, ad esclusione di soggetti che stanno svolgendo attività sportiva, bambini di età inferiore ai 6 anni, soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
  • fortemente raccomandato non ricevere a casa persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza. Nel caso, si consiglia fortemente l’uso delle mascherine
  • i soggetti con sintomi respiratori e febbre maggiore di 37,5° devono restare a casa e contattare il proprio medico di base
  • mantenere il distanziamento fisico di almeno 1 metro tra le persone, igienizzare frequentemente le mani tramite lavaggio e applicazione di gel disinfettanti
  • nelle strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie la chiusura al pubblico, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

Quali Regioni passano in zona bianca a giugno

Ma ecco le Regioni che per prime guadagneranno la zona bianca?

Dal 1° giugno:

Dal 7 giugno:

  • Abruzzo
  • Veneto
  • Liguria.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Riaperture e stop coprifuoco, arrivano le zone bianche: dal 1° giugno...