Tutte le regole da rispettare sui treni e nelle stazioni nella Fase 2

Nella Fase 2 dell'emergenza sanitaria che scatta lunedì 4 maggio, per il settore del trasporto ferroviario trovano applicazione misure molto specifiche

Nella Fase 2 dell’emergenza sanitaria che scatta lunedì 4 maggio, per il settore del trasporto ferroviario trovano applicazione misure molto specifiche, trattandosi di un mezzo pubblico particolarmente frequentato e dunque con un alto rischio di trasmissione del virus.

Le regole in stazioni e treni

Ecco le regole inserite nel Dpcm del 26 aprile:

  • informazioni alla clientela attraverso i canali aziendali di comunicazione (call center, sito web, app) in merito a:
    – misure di prevenzione adottate in conformità a quanto disposto dalle Autorità sanitarie;
    – notizie circa le tratte ferroviarie attive, in modo da evitare l’accesso degli utenti agli uffici informazioni/biglietterie delle stazioni;
    – incentivazioni degli acquisti di biglietti on line.
  • gestione dell’accesso alle stazioni ferroviarie prevedendo, ove possibile, una netta separazione delle porte di entrata e di uscita, in modo da evitare l’incontro di flussi di utenti;
  • interventi gestionali al fine di favorire la distribuzione del pubblico in tutti gli spazi della stazione onde di evitare affollamenti nelle zone antistanti le banchine fronte binari;
  • previsione di percorsi a senso unico all’interno delle stazioni e nei corridoi fino ai binari, in modo da mantenere separati i flussi di utenti in entrata e uscita;
  • attività di igienizzazione e disinfezione su base quotidiana e sanificazione periodica degli spazi comuni delle stazioni;
  • installazione di dispenser di facile accessibilità per permettere l’igiene delle mani dei passeggeri;
  • regolamentazione dell’utilizzo di scale e tappeti mobili favorendo sempre un adeguato distanziamento tra gli utenti;
  • annunci di richiamo alle regole di distanziamento sociale sulle piattaforme invitando gli utenti a mantenere la distanza di almeno un metro;
  • limitazione dell’utilizzo delle sale di attesa e rispetto al loro interno delle regole di distanziamento;
  • ai gate sono raccomandabili i controlli della temperatura corporea;

Nelle attività commerciali delle stazioni

  • contingentamento delle presenze;
  • mantenimento delle distanze interpersonali;
  • separazione dei flussi di entrata/uscita;
  • utilizzo dispositivi di sicurezza sanitaria
  • regolamentazione delle code di attesa;
  • acquisti on line e consegna dei prodotti in un luogo predefinito all’interno della stazione o ai margini del negozio senza necessità di accedervi.

A bordo treno

  • posizionamento di dispenser di gel igienizzanti su ogni veicolo;
  • eliminazione della temporizzazione di chiusura delle porte esterne alle fermate, al fine di facilitare il ricambio dell’aria all’interno delle carrozze ferroviarie;
  • sanificazione sistematica dei treni;
  • potenziamento del personale dedito ai servizi di igiene e decoro;
  • previsione di flussi di salita e discesa separate in ogni carrozza. Ove ciò non sia possibile, pensare sistemi di regolamentazione di salita e discesa in modo da evitare assembramenti in corrispondenza delle porte;
  • distanziamento sociale a bordo con applicazione di marker sui sedili non utilizzabili,
  • i passeggeri dovranno indossare necessariamente una mascherina, anche di stoffa.

Treni a lunga percorrenza (con prenotazione online)

  • distanziamento sociale a bordo assicurato attraverso un meccanismo di prenotazione a “scacchiera”;
  • applicazione di marker sui sedili non utilizzabili;
  • adozione del biglietto nominativo al fine di identificare tutti i passeggeri e gestire eventuali casi di presenza a bordo di sospetti o conclamati casi di positività al virus;
  • sospensione dei servizi di ristorazione a bordo (welcome drink, bar, ristorante e servizi al posto) fino alla data di riapertura di bar e ristoranti.

Nelle grandi stazioni

Nei Grandi Hub (Milano C.le, Firenze S.M.N., Roma Termini) e in tutte le stazioni, compatibilmente alle rispettive capacità organizzative e ai flussi di traffico movimentati, sono necessari:

  • o disponibilità per il personale di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti monouso, gel igienizzante lavamani);
  • o divieto di ogni contatto ravvicinato con la clientela, ad eccezione di quelli indispensabili in ragione di circostanze emergenziali e comunque con le previste precauzioni di cui alle vigenti disposizioni governative;
  • o proseguimento delle attività di monitoraggio di security delle stazioni e dei flussi dei passeggeri, nel rispetto della distanza di sicurezza prescritta dalle vigenti disposizioni;
  • o restrizioni al numero massimo dei passeggeri ammessi nelle aree di attesa comuni e comunque nel rispetto delle disposizioni di distanziamento fra le persone di almeno un metro.

Le aree di attesa

Devono anche essere previste, per le aree di attesa comuni senza possibilità di aereazione naturale, ulteriori misure per evitare il pericolo di contagio; o disponibilità nelle sale comuni di attesa e a bordo treno di gel igienizzante lavamani anche eventualmente preparato secondo le disposizioni dell’OMS.

In caso di sintomi a bordo

In caso di passeggeri che a bordo treno presentino sintomi riconducibili all’affezione da Covid-19, la Polizia Ferroviaria e le Autorità sanitarie devono essere prontamente informate: all’esito della relativa valutazione sulle condizioni di salute del passeggero, spetta a loro la decisione in merito all’opportunità di fermare il treno per procedere ad un intervento.

Al passeggero che presenti, a bordo treno, sintomi riconducibili all’affezione da Covid-19 (tosse, rinite, febbre, congiuntivite), è richiesto di indossare una mascherina protettiva e sedere isolato rispetto agli altri passeggeri, che dovranno essere spostati in un’altra carrozza opportunamente sgomberata e dovranno quindi essere attrezzati idonei spazi per l’isolamento di passeggeri o di personale di bordo.

L’impresa ferroviaria procederà successivamente alla sanificazione specifica del convoglio interessato dall’emergenza prima di rimetterlo nella disponibilità di esercizio.

Qui potete scaricare il Dpcm in pdf in versione integrale.

LO SPECIALE QUIFINANZA SULLA FASE 2

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutte le regole da rispettare sui treni e nelle stazioni nella Fase 2