Cosa si può fare e cosa no dal 7 al 15 gennaio: il calendario definitivo

Il cosiddetto decreto "ponte" del 5 gennaio 2021 prevede ancora la divisione dell’Italia a colori, ma con alcune novità

Il cosiddetto decreto “ponte” del 5 gennaio 2021 prevede ancora la divisione dell’Italia a colori, ma con alcune novità. Ecco il calendario definitivo, con tutto ciò che è possibile fare e cosa è invece vietato dal 7 al 15 gennaio (qui le ultime Faq del Governo in merito agli spostamenti).

7 e 8 gennaio: tutta Italia zona gialla rafforzata

Giovedì 7 e venerdì 8 gennaio tutta Italia è nella cosiddetta zona gialla “rafforzata”. Ma cosa significa? In cosa è diversa dalla classica gialla? Rafforzata significa che valgono tutte le regole già previste per le zone gialle, ma con il divieto di spostarsi tra Regioni, mentre prima era concesso.

Ora è possibile uscire dalla propria Regione solo per motivi di necessità, lavoro o salute, tramite autodichiarazione.

Ecco tutte le regole per il 7 e 8 gennaio:

  • coprifuoco dalle 5 alle 22
  • spostamenti liberi ma soltanto all’interno della propria Regione e non più anche fuori, come previsto prima per le zone gialle
  • possibile fare visita a parenti o amici nella stessa Regione
  • non sono previsti limiti al numero degli spostamenti o delle persone che si spostano
  • attività di ristorazione, fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, consentite dalle 5 fino alle 18 (il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Dopo le 18,00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico)
  • ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive consentita senza limiti di orario limitatamente ai propri clienti, e sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio e, fino alle 22, l’asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze
  • attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale consentite, purché garantiscano la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, nei limiti e alle condizioni di cui al periodo precedente;
  • centri commerciali chiusi nei giorni festivi e pre-festivi, ma rimangono aperti negozi alimentari, farmacie, parafarmacie ed edicole collocati al loro interno
  • aperti i negozi al dettaglio fino alle 21
  • musei e mostre chiusi;
  • piscine, palestre, teatri, cinema chiusi. Restano aperti i centri sportivi;
  • mascherina sempre obbligatoria, così come il distanziamento sociale.

9 e 10 gennaio: tutta Italia zona arancione con le eccezioni del decreto Natale

Nel weekend, sabato 9 e domenica 10 gennaio, tutta Italia è invece zona arancione: tornano le misure in vigore per i giorni arancioni a Natale, quindi con la possibilità, rispetto alla classica zona arancione, di spostarsi tra Comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per una distanza non superiore a 30 km dai relativi confini, con esclusione però verso i capoluoghi di provincia.

Ecco tutte le regole per il 9 e 10 gennaio:

  • coprifuoco dalle 22 alle 5
  • vietato ogni spostamento in entrata e in uscita anche tra Comuni, oltre che tra Province e Regioni, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute
  • possibile fare visita a parenti e amici nel proprio Comune
  • non sono previsti limiti al numero degli spostamenti all’interno dello stesso Comune o del numero di persone che si spostano
  • consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per una distanza non superiore a 30 km dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia
  • aperti i negozi al dettaglio fino alle 21
  • bar e ristoranti chiusi sempre, 7 giorni su 7, ma potranno continuare a vendere cibo da asporto (fino alle 22) o consegnarlo a domicilio;
  • centri commerciali chiusi nei giorni festivi e pre-festivi, ma rimarranno aperti negozi alimentari, farmacie, parafarmacie ed edicole collocati al loro interno;
  • musei e mostre chiusi;
  • piscine, palestre, teatri, cinema chiusi
  • aperti i centri sportivi.

Dall’11 al 15 gennaio: riparte la divisione dell’Italia per fasce di colore

Lunedì 11 gennaio ritorna la divisione in zone a colori, a seconda della situazione epidemiologica, con il nuovo indice RT (qui i nuovi parametri). Possibilità di nuove zone arancioni. In ogni caso si potrà:

  • tra le 5 e le 22 è possibile spostarsi liberamente all’interno della propria Regione.
  • possibile fare visita a parenti o amici nella stessa Regione.
  • non sono previsti limiti al numero degli spostamenti o delle persone che si spostano
  • nelle eventuali zone arancioni ci si può spostare liberamente, e quindi far visita ad amici o parenti, solo all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22. Oltre a questi orari e al di fuori del proprio Comune ci si potrà spostare solo per lavoro, salute o necessità.
  • in zona arancione, chi vive in un Comune fino a 5mila abitanti può spostarsi liberamente, tra le 5 e le 22, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia. Di conseguenza, è possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro questi limiti orari e territoriali
  • nelle eventuali zone rosse sono consentiti gli spostamenti per lavoro, salute o necessità. Inoltre, sarà consentito spostarsi nel proprio Comune verso una sola abitazione privata una volta al giorno, fra le 5 e le 22, nei limiti di due persone oltre ai minori di anni 14, alle persone disabili o non autosufficienti conviventi
  • in zona rossa, chi vive in un Comune fino a 5mila abitanti può spostarsi verso una sola abitazione privata una volta al giorno, nei limiti di due persone oltre ai minori di anni 14, alle persone disabili o non autosufficienti conviventi, tra le 5 e le 22, entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione), con il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia. Di conseguenza, è possibile anche andare a fare visita ad amici e parenti entro questi limiti orari e territoriali.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cosa si può fare e cosa no dal 7 al 15 gennaio: il calendario definit...