Regioni a rischio: chi teme la zona gialla e chi resta in bianca il 13 settembre

Quella scattata dall'Iss nel suo ultimo monitoraggio è una fotografia piuttosto nitida: una situazione sostanzialmente stabile, merito dei vaccini. Ma qualche Regione rischia

Sicilia sorvegliata speciale, perché, se le cose non cambiano, potrebbe allungarsi ancora la sua permanenza in zona gialla. Ma non è l’unica Regione sotto osservazione. Quella scattata dall’Iss nel suo ultimo monitoraggio è una fotografia piuttosto nitida: una situazione sostanzialmente stabile, merito dei vaccini.

La circolazione della variante Delta è prevalente, e una più elevata copertura vaccinale garantisce protezione. È evidente, come dimostrano tutti i dati in nostro possesso, che se non avessimo avuto i vaccini questa quarta ondata dominata dal ceppo indiano sarebbe stata estremamente più pericolosa e letale (qui i dati evidenti sulla correlazione tra numero di vaccinati e Regioni a rischio).

Regioni e scenari

Mentre il ministro della Salute Roberto Speranza annuncia che la terza dose di vaccino arriverà in Italia già a settembre (qui le categorie interessate e prioritarie), osservando il report dell’Istituto Superiore di Sanità, tutte le Regioni hanno scenari compatibili con scenari di trasmissione 1, a parte 4 che presentano dati riconducibili a uno scenario di tipo 2.

Ricordiamo che gli scenari si leggono così:

  • Compatibile con Scenario 1: Rt regionali sopra soglia per periodi limitati (inferiore a 1 mese)
  • Compatibile con Scenario 2: Rt regionali significativamente compresi tra Rt=1 e Rt=1,25
  • Compatibile con Scenario 3: Rt regionali significativamente compresi tra Rt=1,25 e Rt=1,5
  • Compatibile con Scenario 4: Rt regionali significativamente maggiori di 1,5.

Regioni e rischio Covid

Guardando al rischio Covid, si nota come tutte le Regioni presentino un rischio moderato, eccetto 4.

Regioni con rischio moderato

  • Abruzzo (scenario 2)
  • Basilicata (scenario 2)
  • Calabria
  • Campania
  • Emilia Romagna
  • Friuli Venezia Giulia
  • Lazio
  • Liguria
  • Lombardia
  • Marche
  • Molise
  • Piemonte
  • Provincia autonoma di Bolzano
  • Provincia autonoma di Trento (scenario 2)
  • Puglia
  • Sicilia (scenario 2)
  • Veneto.

Regioni con rischio basso

  • Sardegna
  • Toscana
  • Umbria
  • Valle d’Aosta.

Quali Regioni rischiano il passaggio in zona gialla lunedì 13 settembre

Ad ogni modo, la zona gialla, anche questa settimana, potrebbe scattare soprattutto per le 2 Regioni già considerate sensibili:

  • Sardegna: qui è aumentata ancora l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva, già oltre soglia, mentre quella delle aree mediche si ferma un punto sotto la soglia, al 14%
  • Calabria: qui la percentuale dei posti letto occupati in terapia intensiva ha sfondato quota 8%, due punti sotto soglia, ma i ricoveri negli altri reparti hanno già superato la soglia.

Quali Regioni si salvano e restano in zona bianca

Al momento, considerando anche i posti occupati in area medica e in terapia intensiva, con quasi certezza possiamo dire che non rischiano di perdere la zona bianca:

  • Abruzzo
  • Campania
  • Lazio
  • Lombardia
  • Molise
  • Piemonte
  • Provincia autonoma di Trento
  • Puglia
  • Valle d’Aosta.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Regioni a rischio: chi teme la zona gialla e chi resta in bianca il 13...