Quarantena, tamponi, green pass: ecco le nuove regole delle Regioni

La quarantena cambierà, le regole sui tamponi e il dopo contatti con positivi anche, questo è certo. Ma come è ancora in discussione

AGGIORNAMENTO: Si è tenuta la Cabina di regina, qui trovate l’orientamento del governo, con l’ipotesi di una quarantena di 3 tipi diversi: vi rimandiamo qui per tutti i dettagli.

La quarantena cambierà, le regole sui tamponi e il dopo contatti con positivi anche, questo è certo. Ma come è ancora in discussione. Oggi si è tenuta una riunione del Cts, alla quale segue quella della Cabina di regia, che dovrà esprimersi in merito.

Il Comitato tecnico scientifico, al completo dei suoi componenti, durato poco più di 2 ore, dalle 11 alle 13.05, oltre ai tempi necessari a redigere il verbale, ha avuto una discussione che fonti qualificate del Cts stesso definiscono “ampia” sul tema all’ordine del giorno riguardante nuove regole sulla quarantena per i vaccinati Covid. E “ha trovato come sempre una posizione condivisa”.

Come potrebbero cambiare quarantena, tamponi e green pass

Proprio mentre l’emergenza Covid accelera anche in Italia e diverse Regioni rischiano la zona gialla o persino arancione a breve, al Cts è arrivata una proposta chiara e forte da parte dei governatori delle Regioni. In un documento condiviso in Conferenza Regioni e inviato al governo, le Regioni avanzano diverse richieste.

Eccole qui riassunte:

  • stop quarantena e passaggio all’autosorveglianza per i vaccinati con terza dose o con seconda negli ultimi 4 mesi, entrati in contatto con un positivo
  • stop tamponi per terminare la quarantena, dopo 10 giorni di isolamento, per chi ha la terza dose e non ha sintomi
  • mantenimento della quarantena per tutti i non vaccinati che siano entrati in contatto con un positivo
  • estensione del super green pass al mondo del lavoro
  • riduzione del ricorso ai tamponi
  • attività di contact tracing sui non vaccinati, sui contesti di maggior rischio di diffusione Covid e nelle persone a rischio, come gli immunocompromessi, o per i contesti sanitari e socioassistenziali
  • graduale attivazione di meccanismi di automatizzazione per la comunicazione dell’isolamento e della quarantena e per la raccolta di informazioni sullo stato di salute e sui contatti.

La posizione del Governo

Mentre si stringe la maglia attorno al Capodanno (qui cosa si può fare e cosa no l’ultimo dell’anno), sul punto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, ospite di ‘Tagadà’ su La7, ha già detto la sua.

“La mia posizione personale è di condivisione delle proposte delle Regioni, per un cittadino che ha seguito le indicazioni del Governo, ha fatto due dosi e poi booster, credo che dobbiamo mettere in atto una distinzione per incentivare e accelerare la somministrazione della terza dose. Credo quindi che ci possano essere le condizioni per esentare dalla quarantena chi ha fatto il booster o chi ha fatto due dosi da meno di 4 mesi”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Quarantena, tamponi, green pass: ecco le nuove regole delle Regioni