Quanto costa vivere da soli? Consigli, spese, pro e contro

Andare a vivere da soli: ecco quanto si potrebbe spendere in media ogni mese

Che sia per motivi di studio o per lavoro, arriva per tutti i giovani, il momento in cui il desiderio di staccarsi dal proprio contesto familiare si fa sentire.

L’indipendenza comporta una serie di responsabilità che è bene tenere a mente prima di compiere un passo così importante, ma non basta. È necessario anche fare una stima dei costi che si dovranno affrontare, in modo da non ritrovarsi di fronte a spiacevoli sorprese. Per andare a vivere da soli infatti, è bene tenere conto del fatto che ci saranno una serie di spese che puntualmente si presenteranno. Per prima cosa, è importante disporre di un’entrata fissa mensile (uno stipendio), che consenta di fronteggiare le spese necessarie.

Tra quelle fisse da sostenere ci sono:

  • l’affitto;
  • la spesa alimentare;
  • le utenze domestiche;
  • il riscaldamento.

Partiamo dall’affitto di un appartamento che rappresenta la spesa più onerosa mensile. Il costo per un monolocale o bilocale (dipende dalle esigenze personali), varia innanzitutto in base alla località in cui ci si trova. Le città del nord Italia sono quelle con gli affitti più cari e il 2018, rispetto all’anno precedente, ha visto crescere la domanda del 2,9%, con canoni più alti dell’1,3%. Al primo posto, tra le città con l’affitto più caro, c’è Milano dove in media, sono necessari 700€ al mese per un monolocale. Seguono Firenze e Roma dove per affittare un monolocale bisogna disporre di una somma che si aggira intorno ai 540€. Un po’ più bassi gli affitti al Sud per cui, chi vuole andare a vivere da solo, deve calcolare un minimo di 350€ per arrivare fino a 500€ e più, in base alla città.

Un altro costo da affrontare mensilmente è la spesa alimentare che può variare dai 200€ ai 300€, a seconda della tipologia di prodotti che si acquistano e alla località di riferimento.

Ci sono poi delle spese che vanno sostenute ogni due mesi: stiamo parlando delle bollette della luce e del gas che si aggirano intorno ai 30/40€ l’una. Stessa cosa anche per chi ha necessità di una connessione internet in casa: in questo caso il costo varierà in base all’operatore scelto.

Anche il riscaldamento è una di quelle spese che vanno sostenute nel momento in cui si decide di andare a vivere da soli: se nell’appartamento è presente quello centralizzato, ci sarà una quota fissa da pagare, al contrario, in caso di riscaldamento autonomo, il costo dipenderà dall’effettivo consumo.

A queste spese fisse, vanno poi aggiunte quelle extra che possono riguardare svago e tempo libero. Per affrontare serenamente tutte queste uscite è consigliabile crearsi un prospetto con una stima di quanto si potrebbe spendere e magari dividere affitto e bollette con qualcuno.

Quanto costa vivere da soli? Consigli, spese, pro e contro