Spostamenti: quante persone nella stessa auto in zona gialla, arancione e rossa

Con il nuovo decreto riaperture non cambiano le regole per gli spostamenti permessi e le modalità in cui è possibile viaggiare nella stessa auto con persone conviventi e non

Il nuovo decreto legge del governo Draghi, che stabilisce le riaperture per le attività commerciali rimaste chiuse durante l’emergenza sanitaria, ha reintrodotto la zona gialla in Italia. Nonostante la ripartenza di bar e ristoranti anche a cena, alcune misure sono rimaste invariate, come quella del coprifuoco, o sono valide anche nella fasce di rischio più basse. In molti si chiedono quante persone possono viaggiare insieme nella stessa auto e se è possibile condividere la macchina con persone non conviventi.

Zone gialle, arancioni e rosse: quante persone possono viaggiare in auto e come

È sempre permesso negli orari e nelle zone di libera circolazione viaggiare in macchina con i propri congiunti, e non sono previste regole specifiche per questa eventualità. Chi vive sotto lo stesso tetto può dunque condividere anche l’abitacolo di un mezzo privato, con la stessa cautela e le stesse misure anti Covid che dovrebbero essere adottate anche in casa.

La questione cambia invece per i non conviventi, che possono utilizzare lo stesso mezzo private con le stesse misure precauzionali che vengono adottate sui trasporti pubblici. Tutti devono indossare obbligatoriamente la mascherina, a meno che non sia presente un separatore fisico in plexiglas che divida i posti.

L’unica persona ammessa nella parte anteriore della vettura è il guidatore, mentre il posto passeggero deve rimanere vuoto. In ogni fila di sedili posteriori possono invece sedersi solo due passeggeri, tenendo libero lo spazio centrale. In un automobile omologata per cinque posti possono salire dunque solo tre persone non conviventi, o due in caso sia presente un separé che permetta di non indossare la mascherina.

Coprifuoco, zone arancioni e rosse: quando è possibile chiedere un passaggio in auto

Le persone che non dispongono di un mezzo privato o della patente di guida, non sono autosufficienti o sono impossibilitate a guidare per altre ragioni, possono muoversi nella stessa macchina insieme a un familiare, quando possibile un convivente, o una persona incaricata per tutti gli spostamenti giustificati da necessità, motivi di lavoro o di salute e per tutte le situazioni previste dai decreti, come il ritorno presso il proprio domicilio, la propria dimora o abitazione stabile, anche quando non è permessa la libera circolazione.

Se una persona ha l’esigenza di spostarsi durante il coprifuoco, in zona rossa, o in zona arancione verso un altro comune, può dunque chiedere un passaggio. L’accompagnatore e l’accompagnato dovranno attenersi alle regole per gli spostamenti in macchina, usando i dispositivi di protezione e la disposizione dei posti in caso non siano conviventi. Lo spostamento della persona che guida è dunque giustificato. In caso di controlli dovrà dunque compilare l’autodichiarazione spiegando il motivo del viaggio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Spostamenti: quante persone nella stessa auto in zona gialla, arancion...