Addio pandemia, arriva la fase endemica: svolta sul vaccino AstraZeneca

La casa farmaceutica anglo-svedese cambia idea sui profitti dei vaccini e decide di vendere le fiale

Finita l’era della distribuzione dei vaccini a prezzo di costo da parte di AstraZeneca. All’epoca dell’annuncio del suo preparato, sviluppato con l’Università di Oxford, la multinazionale anglo-svedese aveva assicurato l’intenzione di distribuire fiale in tutto il mondo senza scopo di lucro fino al perdurare della pandemia. Adesso la casa farmaceutica ritiene che l’emergenza sanitaria mondiale sia diventata endemica, cioè al pari di un’influenza, e per questo comunica l’inversione di marcia sui profitti.

AstraZeneca punta ai profitti sui vaccini: i motivi della svolta

“Il Covid non è più una pandemia perché il virus sta diventando endemico” è così che AstraZeneca ha motivato con una nota il cambio di strategia, decidendo di non prendere più accordi di fornitura delle fiale a costi contenuti (ne avevamo parlato qui).

Secondo i dati aggiornati a fine settembre AstraZeneca ha distribuito a livello globale 1,5 miliardi di dosi del suo vaccino a un prezzo tra i 4 e gli 8 dollari a dose, il più basso in assoluto tra tutti i vaccini contro il Covid-19 e di gran lunga inferiore rispetto ai 19 dollari di Pfizer o ai 30 dollari di Moderna (qui l’ipotesi di stop per gli under 30 in Germania e Francia su questo vaccino).

Comunicando i suoi utili per il terzo trimestre dell’anno, l’azienda farmaceutica anglo-svedese ha annunciato che prevede per il prossimo futuro una “modesta redditività” grazie ai nuovi ordini del vaccino Vaxzevria.

AstraZeneca punta ai profitti sui vaccini: l’annuncio

“Abbiamo iniziato senza profitto per aiutare a superare la crisi sanitaria mondiale, ma abbiamo sempre detto che saremmo passati a realizzare un profitto sul vaccino. Non è qualcosa su cui pensiamo di fare un enorme guadagno ma il virus sta diventando endemico, il che significa che dobbiamo imparare a conviverci” ha spiegato l’amministratore delegato Pascal Soriot (qui tutte le ultime sulla terza dose).

Il CEO dell’azienda non ha però nessun rimpianto per aver perso la possibilità sin dall’inizio di ricavare un profitto dalla vendita del vaccino.

“Non me ne pento assolutamente. Siamo orgogliosi come azienda dell’impatto che abbiamo avuto: abbiamo salvato milioni di persone da ricoveri ospedalieri e morte. Il team AstraZeneca continua a fare un lavoro spettacolare” ha aggiunto Soriot, assicurando che i prezzi del proprio prodotto varieranno da Paese a Paese per continuare a garantire l’accesso al vaccino il più possibile a tutti (qui abbiamo parlato del nuovo farmaco della casa farmaceutica).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Addio pandemia, arriva la fase endemica: svolta sul vaccino AstraZenec...