Ordinanza Calabria, da regione aperta all’obbligo mascherina: le multe

La Regione Calabria impone l'uso della mascherina 24 ore su 24, anche all'aperto

Fino a qualche mese fa, in piena pandemia, la Presidente della regione Calabria, Jole Santelli, aveva dimostrato di essere pronta a sfidare lo Stato e i decreti del Governo attraverso provvedimenti decisamente controtendenza. Mentre l’Italia chiudeva i confini, inaspriva le restrizioni anti-Covid e confermava il lockdown per tutto il paese, lei si diceva pronta a far aprire attività, bar e ristoranti nel suo territorio. Dopo gli scontri con l’amministrazione centrale, però, le sue disposizioni non hanno trovato applicazione ma, ad oggi, una nuova ordinanza della regione Calabria è stata emanata in controtendenza a quanto imposto – in generale – a livello nazionale.

Emergenza Coronavirus, la nuova ordinanza della regione Calabria

Le restrizioni anti-Covid hanno come obiettivo quello di contrastare la diffusione del virus ma, come è stato ribadito più volte dallo stesso Esecutivo, le regioni hanno la possibilità di approvare- nell’ambito delle loro competenze – regole specifiche e valide all’interno del proprio territorio. Alla base di questo ragionamento la consapevolezza che, di fatto, possono venirsi a creare situazioni di emergenza diverse da regione a regione, tanto da mettere le autorità nella posizione di dover intervenire, magari inasprendo le disposizioni già valide a livello nazionale, così da evitare che la situazione possa peggiorare.

Esercitando un potere di fatto riconosciuto dalla legge, quindi, anche la regione Calabria si è mossa in questo senso. Dopo De Luca che in Campania ha deciso di rendere obbligatoria la mascherina all’aperto (ne abbiamo parlato qui), anche Jole Santelli ha emesso una nuova ordinanza in Calabria. Nello specifico, ferme restando le misure statali e regionali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, l’ordinanza n. 68 emessa il 25 settembre 2020 avrà validità fino al 7 ottobre 2020.

Nuova ordinanza regione Calabria: cosa prevede

Tra le principali novità, l’ordinanza della regione Calabria istituisce l’obbligo di utilizzo della mascherina anche all’aperto per tutti i cittadini, esclusi i bambini al di sotto dei 6 anni, le persone con disabilità non compatibile con l’uso del dispositivo di protezione e i soggetti che interagiscono con questi durante l’esercizio in forma individuale di attività motoria e/o sportiva.

In particolare, è stato sancito su tutto il territorio regionale l’obbligo di indossare correttamente la mascherina o altra idonea protezione a copertura di naso e bocca, oltre che in tutti i luoghi chiusi accessibili al pubblico e sui mezzi di trasporto pubblico, anche in tutti i luoghi all’aperto, per tutto l’arco della giornata, a prescindere dalla distanza interpersonale, fatte salve le deroghe previste dalle norme vigenti.

Tra i mezzi di protezione personale autorizzati, come si legge nell’ordinanza, rientrano: “le mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

Ordinanza Calabria, le multe in caso di violazione delle disposizioni anti-Covid

Oltre all’obbligo della mascherina 24 ore su 24, su tutto il territorio della regione Calabria è stato confermato il divieto assoluto di assembramento, il rispetto delle misure di distanziamento interpersonale e delle misure igieniche di prevenzione. A tutte le attività economiche, produttive e ricreative e per gli uffici pubblici ed aperti al pubblico, inoltre, è stato imposto l’obbligo di rilevazione della temperatura corporea per dipendenti ed utenti, negando l’accesso nei casi in cui venga rilevata una temperatura superiore a 37,5 C°, con comunicazione di quanto accaduto al Dipartimento di Prevenzione dell’ASP territorialmente competente per gli adempimenti di consequenziali.

In caso di mancato rispetto delle regole l’ordinanza ha riconosciuto alla autorità competenti la possibilità di prendere provvedimenti e sanzioni cui importo – a seconda della gravità della situazione – possono variare dai 400 ai 1.000 euro.

Qui il testo integrale dell’ordinanza.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ordinanza Calabria, da regione aperta all’obbligo mascherina: le...