Nuovo DPCM ottobre rinviato: le richieste delle Regioni

Atteso per la serata del 24 ottobre, il DPCM è stato rinviato alla mattinata di domani per valutare le richieste della Conferenza delle Regioni

Quando parlerà Conte? Un refrain che va avanti ormai dallo scorso marzo, quando il Primo Ministro ha iniziato a emanare Decreti annunciandoli in prima (o tarda) serata. Una domanda che, complice l’aumento nel numero di contagi, è tornata di moda nelle ultime settimane: il Premier è tornato ad annunciare DPCM con cadenza settimanale, tornando a occupare la programmazione delle reti televisive nazionali. L’ultima comparsa era attesa per la tarda serata di oggi, per annunciare il nuovo DPCM del 24 ottobre. Appuntamento però rimandato per la “rivolta” delle Regioni.

Nuovo DPCM 25 ottobre, annuncio rinviato: la lettera della Conferenza delle Region

Nella serata di sabato 24 ottobre, pochi minuti prima della firma e dell’annuncio del nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, la “Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome” ha fatto recapitare una missiva a Palazzo Chigi per chiedere un rinvio. Secondo i Presidenti delle 20 Regioni italiane, infatti, le misure contenute nella bozza di DPCM discussa nelle ultime ore richiedono ancora dei chiarimenti.

“In via generale – si legge nella missiva – si fa rilevare la necessità di prevedere adeguate forme di ristoro per i settori e le attività economiche interessate dalle limitazioni introdotte dal provvedimento in oggetto, mediante la contestuale attivazione di specifici tavoli di confronto con i Ministeri Competenti”.

DPCM 25 ottobre: le proposte della Conferenza delle Regioni

Nella stessa lettera, firmata dal Presidente della Conferenza Stefano Bonaccini, è presente una lista di proposte per rendere più efficaci le misure previste nel nuovo DPCM ottobre. Nello specifico, le regioni italiane chiedono:

  1. L’estensione della didattica a distanza fino al 100% per le scuole superiori e università;
  2. Destinare i tamponi solamente ai sintomatici e ai contatti stretti su valutazione dei Dipartimenti di prevenzione;
  3. Prevedere l’orario di chiusura per i ristoranti alle 23.00 con solo servizio al tavolo e alle 20.00 per i bar con eccezione per gli esercizi che possono effettuare servizio ai tavoli. Eliminare l’obbligo di chiusura domenicale;
  4. Prevedere nel fine settimana la chiusura dei centri commerciali, a eccezione degli alimentari e delle farmacie;
  5. Eliminare dall’articolo 1, comma 6 lettera f) il riferimento agli impianti sciistici.

Inoltre, dalla Conferenza delle Regioni arriva inoltre la richiesta di valutare la chiusura relativa a palestre, piscine, centri sportivi, cinema e teatri anche valutando i dati epidemiologici di riferimento.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Nuovo DPCM ottobre rinviato: le richieste delle Regioni