Natale e spostamenti verso seconde case: le regole dal 21 dicembre al 6 gennaio

Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case. Quali sono quindi le regole da seguire per spostarsi nelle seconde case?

Il Dpcm 3 dicembre stabilisce che dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti tra Regioni, che il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio sono vietati anche gli spostamenti da un Comune all’altro e che per tutto il periodo natalizio resta il coprifuoco, cioè divieto di spostarsi su tutto il territorio italiano, dalle 22 alle 5 e il 31 dicembre fino alle 7.

Ma ora le cose potrebbero cambiare, perché il Governo Conte sta meditando di accogliere la richiesta di tanti governatori, il piemontese Alberto Cirio in testa, di concedere almeno gli spostamenti tra Comuni.

Ciò che sappiamo ad oggi, stando alle Fag pubblicate dal Governo, è che ci si potrà spostare, come già avviene oggi, solo per motivi di lavoro, di salute e in casi di necessità, anche nelle ore notturne.

Ricordiamo che è anche sempre consentito il rientro nel Comune di residenza, nel proprio domicilio e abitazione (qui trovate cosa si intenda esattamente con questi tre termini), il che permetterà il ricongiungimento di coppie lontane per motivi di lavoro ma che convivono con una certa frequenza e periodicità nella stessa casa.

Spostamenti verso le seconde case, le regole

Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case. Quali sono quindi le regole da seguire per spostarsi nelle seconde case?

In area gialla e arancione, se la seconda casa si trova nello stesso Comune, ci si potrà sempre andare, ma solo negli orari consentiti per gli spostamenti, e cioè dalle 5 alle 22.

Esclusivamente in area gialla, se la seconda casa è nella stessa Regione, ma in un diverso Comune, ci si potrà andare per tutto il periodo dal 21 dicembre al 6 gennaio, ad eccezione dei giorni 25 e 26 dicembre 2020 e 1° gennaio 2021.

Lo spostamento verso la seconda casa in una Regione diversa da quella di residenza o abituale domicilio è consentito soltanto a condizione che la seconda casa si trovi in Regioni, che, alla data del 20 dicembre, si trovino in zona gialla. In zona arancione e rossa, infatti, resta il divieto di spostarsi in altre Regioni.

Casi pratici

Cosa succede se il coniuge o partner si trasferisce nella seconda casa, in un’altra Regione, entro il 20 dicembre? Si può raggiungere tra il 21 dicembre e il 6 gennaio? E nel caso in cui si spostino nella seconda casa anche i figli minorenni?

La risposta è “no”. In questo caso, se si intende trascorrere insieme le feste sarà necessario trovarsi nello stesso luogo entro il 20 dicembre 2020.

Il Governo pone anche il caso di una famiglia che si trasferisca nella seconda casa, in un’altra Regione, entro il 20 dicembre, ma in cui un genitore debba tornare al lavoro, nella Regione di provenienza, per alcuni giorni. In questo caso questo genitore può tornare dalla famiglia entro il 6 gennaio?

No, di nuovo perché gli spostamenti verso le seconde case in una Regione diversa dalla propria sono consentiti soltanto entro il 20 dicembre e dopo il 7 gennaio e comunque esclusivamente se il luogo di partenza e quello di destinazione si trovano entrambi in area gialla.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Natale e spostamenti verso seconde case: le regole dal 21 dicembre al ...