Lombardia, cosa prevede l’ordinanza anti-movida: stretta su bar e locali

Con 2.419 contagiati in un solo giorno (circa il 25% del totale nazionale al 16 ottobre) e numeri in costante crescita ormai da più di una settimana, la Lombardia corre ai ripari. Ben prima dell’uscita del nuovo DPCM ottobre, infatti, l’ente guidato da Attilio Fontana emana una nuova ordinanza con misure riguardanti le attività della ristorazione, gli sport di contatto e la scuola. Un provvedimento drastico, dunque, con il quale il Pirellone prova a raddrizzare una situazione al limite della sostenibilità: secondo il virologo Massimo Galli la rete ospedaliera di Milano è già vicina al limite della saturazione.

Ordinanza anti-movida della Regione Lombardia: le misure per bar, pub e ristoranti

L’ordinanza 620 del 16 ottobre 2020 pubblicata sul Bollettino Ufficiale nella tarda serata di ieri, introduce diverse novità per quel che riguarda le misure di contenimento della pandemia. In particolare, l’ordinanza voluta dal Presidente Fontana e dalla sua giunta prevede diverse limitazioni per le attività del settore della ristorazione.

Bar, pub e ristoranti (ma anche gelaterie, rosticcerie e tutte le altre attività di somministrazione alimenti e bevande) sono consentite sino alle ore 24:00, mentre dalle 18:00 in poi potranno essere serviti solamente ordini ai tavoli. Sempre dalle 18:00 in poi non è consentita la vendita di bevande alcoliche “da asporto”. Dalle 18:00 alle 6:00 è vietata la vendita di alimenti e bevande su aree pubbliche e, nella stessa fascia oraria, dovranno chiudere tutte le attività con distributori automatici attivi 24 ore su 24. Inoltre, l’ordinanza dà facolta ai sindaci di attuare ulteriori misure restrittive.

Ordinanza 16 ottobre Regione Lombardia: al via la didattica a distanza

Per alleviare la pressione sul sistema di trasporto pubblico locale, il Presidente Fontana ha disposto la chiusura di tutti gli istituti di istruzione secondaria superiore e l’attivazione della didattica “mista”, con alternanza tra lezioni in classe e lezioni a distanza. La Regione, inoltre, raccomanda alle istituzioni universitarie di attuare le stesse modalità di insegnamento.

Ordinanza 16 ottobre Regione Lombardia: stop allo sport dilettantistico

Non solo bar e ristoranti: l’ordinanza del 16 ottobre della Regione Lombardia ferma anche tutti gli sport di contatto a livello dilettantistico. Già da oggi, dunque, non potranno essere disputate le gare le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, svolti a livello regionale o locale ‒ sia agonistico che di base ‒ dalle associazioni e società dilettantistiche.

Ordinanza 16 ottobre Regione Lombardia: accesso alle RSA

Per evitare che la situazione delle Residenze Socio-Assistenziali si aggravi, la Regione Lombardia stabilisce anche il divieto di accesso e visita all’interno delle strutture. A meno che non si venga espressamente autorizzati dal responsabile medico ovvero del Referente COVID-19 della struttura stessa (come in caso di fine vita), parenti e caregiver non saranno autorizzati ad accedere alle RSA lombarde.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lombardia, cosa prevede l’ordinanza anti-movida: stretta su bar ...