Italia a colori in vista del lockdown di Natale: le Regioni gialle, arancioni e rosse

Il Dpcm di Natale ha confermato l'impianto e la diversificazione delle restrizioni, già adottata dal Dpcm 3 novembre 2020

Italia sempre divisa in tre, e ancora per un bel po’. Come sappiamo, con il Dpcm 3 dicembre il premier Giuseppe Conte, delineando le nuove misure per il contrasto e il contenimento dell’emergenza Covid, in vigore dal 4 dicembre al 15 gennaio 2021, ha rimarcato l’efficacia delle misure di contenimento e la differenziazione territoriale.

Italia divisa per colore

L’obiettivo è consentire alle Regioni più virtuose di allentare le restrizioni. E intervenire in maniera più rigida, invece, laddove la situazione epidemiologica rischi di superare una certa soglia di rischio.

Il Dpcm di Natale conferma dunque l’impianto e la diversificazione delle restrizioni, già adottata dal Dpcm 3 novembre 2020, nelle tre aree gialla, arancione e rossa, corrispondenti ai differenti livelli di criticità nelle Regioni del Paese.

“È un sistema che si sta rivelando efficace”, ha spiegato Conte, che permette di adottare misure adeguate e proporzionali all’effettivo livello di rischio dei territori, evitando quindi un lockdown generalizzato che sarebbe “molto penalizzante per tutto il Paese sia in termini economici che sociali”.

Le Regioni gialle, arancioni e rosse dal 13 dicembre

Ecco com’è divisa l’Italia a colori dal 13 dicembre, in base all’ultima ordinanza del ministro della Salute Speranza dell’11 dicembre 2020, che si prepara al Natale:

  • area gialla: Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria, Veneto
  • area arancione: Abruzzo, Campania, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Valle d’Aosta
  • area rossa: (nessuna Regione)

Ipotesi lockdown a Natale per 7 giorni

Il Cts, Comitato Tecnico Scientifico, intanto si è riunito in queste ore ancora una volta per valutare la situazione epidemiologica ed eventuali nuove misure per Natale. Gli esperti hanno espresso forte preoccupazione su un possibile allentamento delle misure, che potrebbe portarci dritti alla terza ondata, data da molti esperti per quasi certa, se non a un prolungamento della seconda.

Il Governo sta ancora discutendo in merito alle misure di Natale, ed è così diviso che a Palazzo Chigi sono arrivati persino a ventilare possibili rimpasti in un momento così delicato per il nostro Paese.

Si ragiona soprattutto sulle due settimane delle vacanze di Natale, “il periodo più complicato, in cui il tasso di spostamenti e relazioni si alza di molto, e dovremo stare più attenti” ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza.

Al momento, l’ipotesi più accreditata è quella di adottare il “metodo Merkel”, un lockdown duro con blocco degli spostamenti e stop alle attività, decretando l’Italia in zona rossa nei festivi e prefestivi, e cioè per le giornate del 24, 25, 26 e 31 dicembre e 1, 5 e 6 gennaio.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Italia a colori in vista del lockdown di Natale: le Regioni gialle, ar...