ho. Mobile, maxi furto dei dati: cosa rischiano i clienti e cosa fare

La compagnia ha avvisato i propri clienti sul da farsi: cosa è successo, quali dati sono stati rubati e come sapere se si è vittime del furto

Attraverso il proprio sito ufficiale, la compagnia telefonica ho. Mobile ha denunciato un attività illecita di ignoti sui dati di alcuni clienti. L’azienda ha comunicato che non c’è stata nessuna sottrazione di dati di traffico, né bancari o relativi a sistemi di pagamento. ho. Mobile ha conseguentemente alzato i livelli di sicurezza e dato la possibile agli utenti di sostituire gratuitamente la Sim.

ho. Mobile, maxi furto dei dati: cosa rischiano i clienti e cosa fare

ho. Mobile, maxi furto dei dati: cosa rischiano i clienti e cosa fare

ho. Mobile, maxi furto dei dati: cosa è successo

Lo scorso 28 dicembre ho. Mobile ha ufficialmente dichiarato di aver avviato le indagini in collaborazione con le autorità investigative per delle presunte sottrazioni di dati dei suoi clienti di telefonia mobile. È successivamente emerso che sono stati sottratti illegalmente alcuni dati di parte della base clienti, con riferimento solo ai dati anagrafici e tecnici della Sim.

L’attacco hacker ha quindi interessato nome, cognome, numero di telefono, codice fiscale, e-mail, data e luogo di nascita, nazionalità e indirizzo, oltre all’ICCID (Integrated Circuit Card-Identity) della Sim. Successivamente, secondo il sito Cybersecuirty360.it, i dati di circa 2,5 milioni di utenti sono stati messi in vendita sul Dark Web.

Il fatto che gli hacker siano entrati in possesso dell’ICCID, il codice di 19 cifre che identifica in maniera univoca la Sim, mette a rischio gli utenti coinvolti: potrebbero essere vittime di un attacco di tipo Sim Swap, che permette di clonare la scheda e di accedere a servizi online.

L’azienda ha precisato che per quanto riguarda i dati relativi al traffico (sms, telefonate, attività web), quelli bancari o relativi a qualsiasi sistema di pagamento dei propri clienti, non sono invece stati rubati.

La compagnia ha informato i clienti coinvolti attraverso un sms che riassume la vicenda e offre la possibilità di richiedere in qualsiasi momento la sostituzione gratuita della Sim presso i punti vendita autorizzati.

ho. Mobile, come richiedere la sostituzione della Sim

Tante le domande degli utenti dopo il furto dei dati che ha interessato ho. Mobile. Quella principale è legata alla sicurezza dei dati bancari e dei metodi di pagamento. Anche chi ha attivato la ricarica automatica può stare sicuro che questi dati non siano stati sottratti.

Per sostituire comunque la Sim, ci si deve recare presso uno dei rivenditori autorizzati e richiedere il cambio gratuito, portando con sé la scheda attuale e un documento di identità valido. Non è possibile chiedere la spedizione a casa, perché la sostituzione richiede il riconoscimento fisico del cliente.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ho. Mobile, maxi furto dei dati: cosa rischiano i clienti e cosa fare