Green pass, è obbligatorio anche in Autogrill?

Green pass, serve anche per gli Autogrill? Proviamo a fare chiarezza sulle norme

Da venerdì 6 agosto 2021 il Green pass è diventato requisito fondamentale per poter accedere e/o svolgere specifiche attività, tra cui la consumazione al tavolo al chiuso in bar, ristoranti e locali di ogni genere. Se queste stesse regole siano da considerarsi valide anche per gli Autogrill, tuttavia, se lo stanno chiedendo molti, e il motivo è semplice: da quando l’Italia è stata divisa in fasce di rischio (zona gialla, arancione e rossa), le aree di servizio lungo le autostrade sono state considerate “servizi essenziali“, per cui spesso sono state approvate restrizioni anti Covid diverse. Da qui, il dubbio di molti: le stesse eccezioni saranno valide ora per l’esibizione del Green pass?

Green pass, quando serve per gli Autogrill e quando invece si può fare a meno

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge n. 175 del 23 luglio 2021, il Governo ha ufficialmente adottato nuove regole e disposizioni per lo svolgimento di eventi che implicano attività al chiuso e/o con la presenza di più persone (dove cioè potrebbe verificarsi il rischio di assembramento). Nello specifico, dopo l’introduzione delle Certificazione verde Covid per feste, cerimonie civili e religiose, accessi a residenze sanitarie assistenziali e spostamenti in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”, dal 6 agosto 2021 il Green pass diventa obbligatorio anche per:

  • concorsi pubblici;
  • spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura;
  • piscine, palestre, centri benessere;
  • fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò;
  • tutti i tipi di servizi di ristorazione al tavolo al chiuso.

In quest’ultima categoria rientrano anche gli Autogrill, in quanto “Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso”. Questo vuol dire, in pratica, che qualsiasi cliente o viaggiatore di passaggio dovrà essere in possesso del Green pass qualora abbia intenzione di sostare in un’area di servizio e consumare al chiuso, al tavolo.

Discorso diverso, invece, per la consumazione al bancone: in questo caso, infatti, non è richiesta la Certificazione. Il decreto, a tal proposito, parla chiaro: sia per le somministrazioni al bancone che all’aperto non sarà necessario il Green pass.

Green pass: come ottenerlo

Il Ministero della Salute è tenuto a rilasciare la Certificazione verde Covid sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione dal virus. Il Green pass è emesso in formato digitale stampabile, è ovviamente gratis e viene rilasciato a seguito di:

  • avvenuta vaccinazione;
  • guarigione da infezione da Covid;
  • esito negativo di un test molecolare o antigenico (con validità di 48 ore).

Il Green pass può essere scaricato sul sito www.dgc.gov.it/web/ tramite Tessera Sanitaria o identità digitale (Spid/Cie), scaricando AppImmuni o App IO o rivolgendosi ad una farmacia. Inoltre, chi non dispone di strumenti digitali (computer o smartphone) potrà rivolgersi al proprio medico di medicina generale, al pediatra di libera scelta o in farmacia per il recupero della propria Certificazione verde Covid.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Green pass, è obbligatorio anche in Autogrill?