Google down: da Classroom a Drive a Docs, problemi per ore

Tre settimane fa era stata la volta di Gmail e di altre app del gigante web. Ora tocca a Classroom, Docs, Drive, Sheets e Slide

Tre settimane fa era stata la volta di Gmail e di altre app del gigante web. Ora tocca a Classroom, Docs, Drive, Sheets e Slide. Google è finita infatti di nuovo in down, lasciando senza accessi migliaia di utenti in tutta Italia.

Allora la causa era stato un aggiornamento di Android WebView, per cui la stessa Google aveva precisato che “siamo consapevoli di un problema con WebView che causa il crash di alcune app su Android per alcuni utenti”. Ora, Documenti, Fogli e persino la app dedicata alle scuole, Classroom, sono rimaste fuori uso per ore.

Google down, cos’è successo

Moltissimi utenti, non riuscendo più a lavorare o studiare con le app Google, hanno segnalato disservizi anche su Twitter utilizzando l’hashtag #googledown, che in pochi minuti è entrato nei trend. Gli utenti di tutto il mondo hanno segnalato problemi sul sito rilevatore di interruzioni delle più famose pagine web DownDetector a partire già dalla mattina negli Usa.

La società di Mountain View ha comunicato che il malfunzionamento è stato risolto alle 18.20 ora italiana. Nella sua pagina di supporto clienti, Google Italia ha spiegato di aver avviato un controllo su tutti i servizi alle 15.36 e di aver ripristinato tutte le funzionalità dei programmi nel tardo pomeriggio in Italia.

Google non ha tuttavia fornito una spiegazione ufficiale riguardo ai problemi. In un messaggio rivolto agli utenti scrive solo: “Ci scusiamo per l’inconveniente e ti ringraziamo per la pazienza e il continuo supporto. Ti assicuriamo che l’affidabilità del sistema è una priorità assoluta per Google e stiamo apportando continui miglioramenti per migliorare i nostri sistemi”.

Google si prepara al lancio di Pixel Watch

Intanto, Google si prepara al lancio del suo nuovissimo orologio. Design essenziale, cassa circolare e senza pulsanti, Pixel Watch potrebbe arrivare già ad ottobre.

Sfruttando molto probabilmente il sistema operativo WearOS, il primo smartphone a firma Google monterà un sensore per monitorare la frequenza cardiaca, mentre ancora nulla si sa sulla possibilità di misurare la saturazione dell’ossigeno nel sangue come un saturimetro e come avviene negli ultimi modelli di Apple Watch, funzione particolarmente utile in tempo di pandemia Covid.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Google down: da Classroom a Drive a Docs, problemi per ore