Fase 2: continuano a crescere le vendite della GDO, exploit dell’e-commerce

L'analisi Nielsen evidenzia come le vendite della Grande Distribuzione Organizzata continuino a crescere anche nella fase 2

Continua, anche nel corso della Fase 2, l’exploit della Grande Distribuzione Organizzata. Mentre un po’ tutti gli altri settori arrancano (con quello turistico e quello automotive a patire le perdite maggiori), il mondo della GDO continua a far segnare incrementi sostanziali rispetto al volume d’affari dello scorso anno. E, come è semplice immaginare, aumenta anche il volume degli acquisti online cresce in maniera più che sensibile.

Questo quanto emerge dall’ultima rilevazione Nielsen, che ha analizzato il volume d’affari nel periodo dal 4 maggio al 24 maggio. Ossia, nelle prime tre settimane della Fase 2, quando gli spostamenti all’interno della città erano già consentiti e molte delle attività commerciali hanno riaperto battenti. Un periodo, dunque, nel quale le persone potevano tornare a fare acquisti con maggior libertà ma, a quanto pare, hanno preferito continuare a fare compere in supermercati. Dati simili a quelli fatti registrare anche nelle settimane precedenti.

Crescono negozi “casa e toeletta” e discount; forte aumento nel nord-est

A livello geografico, l’aumento maggiore è stato registrato nel nord-est italiano, dove il volume d’affari della GDO è cresciuto del 9,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel nord-ovest, invece, la crescita si è “fermata” al 6,8%, mentre nel sud Italia e nel centro Italia i dati sono al di sotto della media nazionale (rispettivamente del +6,5% e del +5,1%).

Sul fronte dei settori della Grande Distribuzione Organizzata, a far registrare gli aumenti maggiori (+23,6%) sono i cosiddetti “Self Service Specialist Drug“, ossia i negozi specializzati nella vendita di prodotti per la pulizia della casa e cura della persona. Seguono i discount (+12% circa), Liberi Servizi (+13,4%) e i Supermercati (+8,8%). Di fatto immutato il volume d’affari degli ipermercati. Cala drasticamente, invece, il modello “Cash and Carry”, con una diminuzione del volume d’affari di un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019.

Volumi e-commerce più che raddoppiati

Se la crescita dei volumi di vendita della GDO si avvicina sempre più alla doppia cifra percentuale, l’aumento delle vendite sul web continua a essere addirittura in tripla cifra. Le riaperture dei negozi fisici, insomma, sembrano non aver affatto “dissuaso” i consumatori dagli acquisti sugli e-commerce, cresciute del 178% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

E se nei primissimi giorni dell’emergenza sanitaria questo dato poteva essere considerato come un exploit “forzato”, ora che i punti vendita sono nuovamente aperti, la crescita dell’e-commerce assume sempre più le sembianze di un trend destinato a crescere in maniera sempre più importante anche nei mesi a seguire.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fase 2: continuano a crescere le vendite della GDO, exploit dell&#8217...