Esselunga regala buoni spesa su WhatsApp? Attenti alla truffa

Circola in questi giorni un super concorso per vincere buoni spesa nei supermercati Esselunga per il 70esimo compleanno della catena, ma si tratta di un tentativo di phishing

Esselunga compie 70 anni e regala buoni spesa da 100 euro con una nuova iniziativa social. Peccato che si tratti di una bufala. La catena di supermercati è infatti ben lontana da questo importante compleanno, e quella che circola su WhatsApp è l’ennesima truffa che vede coinvolto un nome noto della grande distribuzione, una ricorrenza importante e un concorso a premi.

Il tentativo di phishing che coinvolge Esselunga a prima vista sembrerebbe una vera lotteria. Il logo del supermercato è infatti quello originale. Una volta aperto il messaggio su WhatsApp, inizia il gioco per ottenere il goloso buono spesa da 100 euro, una sorta di gratta e vinci in cui bisogna cliccare su tre pacchi sui nove presenti sulla schermata e sperare di vincere uno dei 7 mila premi in palio.

Come capire se il concorso Esselunga via WhatsApp è una truffa

Diventa chiaro che si tratta di una truffa perché si vince sempre, e per la riscossione della ricompensa è necessario compiere due azioni sospette. La prima è quella di inviare il messaggio del concorso a 5 gruppi o 20 utenti su WhatsApp, alimentando quella che è a tutti gli effetti anche una catena di Sant’Antonio.

La seconda è invece, come da prassi per i tentativi di phishing, inserire i propri dati personali e sensibili. Questo tipo di truffa mira infatti all’acquisizione di indirizzi email e dati anagrafici e bancari per rivenderli ad altri malintenzionati o provare ad accedere ai conti correnti di chi cade nella trappola.

Phishing, come riconoscere una truffa

Capire se un messaggio è stato inviato davvero da una società autorevole o se invece è un’operazione truffaldina non è sempre semplice. Prima di cliccare su un link che ci viene inviato su WhatsApp, Facebook, Instagram o via email dobbiamo sempre accertarci che l’url conduca a un sito ufficiale o attendibile.

Per quanto riguarda il tentativo di phishing con i buoni spesa dei supermercati Esselunga, il link porta al sito icpkwey.asia/lucky/it-esselunga. Già l’identificazione geografica del dominio (Asia) e il fatto che il nome del brand non appaia subito dopo l’http o il www devono mettere in guardia gli utenti, anche quelli meno allenati.

È una buona norma controllare sempre il percorso di un link prima di cliccarci sopra, e usare il buonsenso per capire se si tratta di un’offerta commerciale seria oppure di una truffa, come in questo caso.

Attenti al phishing: come riconoscere una truffa dall’indirizzo web

L’altro campanello di allarme che riguarda questo tentativo di phishing è il fatto che Esselunga è stata fondata nel 1957, e nel 2021 compie dunque 64 anni e non 70 come scritto nel messaggio. Il supermercato inoltre è conosciuto con questo nome solo a partire dagli anni ’60 e ’70, e la società fino a quel momento si è chiamata Supermarkets italiani.

Esselunga, particolarmente attiva in Lombardia e al Nord, controlla circa l’8,7% delle vendite dei supermercati italiani, e ha oltre 160 punti vendita dislocati sul territorio nazionale. Fu fondata dall’imprenditore Nelson Rockefeller sul modello degli iperstore americani.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Esselunga regala buoni spesa su WhatsApp? Attenti alla truffa