Elezioni regionali e referendum: come e quando si vota

Per l'election day sono chiamati alle urne 46 milioni di italiani, oltre 18 per le elezioni regioni. Ecco come si vota

Dalle 7 di domani fino alle 15 di lunedì (con chiusura dalle 23 di domenica alle 8 di lunedì) gli italiani saranno chiamati a esprimersi sul Referendum costituzionale per la riduzione del numero di parlamentari e per il rinnovo dei consigli regionali di sette regioni. Sono chiamati a votare ben 46 milioni di elettori, ma visti i timori per il Covid-19 e lo scarso appeal che i referendum hanno solitamente sull’elettorato italiano è probabile che saranno molti di meno quelli che si recheranno ai seggi.

Elezioni regionali e referendum: quando si vota

I seggi per le elezioni regionali e per il referendum costituzionale sono aperti dalle 7 alle 23 di domenica 20 settembre e dalle 7 alle 15 di lunedì 21 settembre. Le operazioni di spoglio prendono il via alla chiusura dei seggi: verranno prima scrutinate le schede del referendum; a seguire quelle delle elezioni regionali.

Elezioni regionali: dove si vota

Come detto, in questa tornata elettorale si vota anche per il rinnovo di sette consigli regionali: quello della Campania, della Liguria, delle Marche, della Puglia, della Toscana, della Valle d’Aosta e del Veneto. In sei di questi ci sarà anche l’elezione diretta del Presidente della giunta regionale, mentre in Valle d’Aosta (Regione a statuto speciale) si procederà alla sola elezione del consiglio, cui spetta poi l’elezione del Presidente.

Elezioni regionali e referendum: il protocollo anti-Covid

Ovviamente, il ministero ha previsto un preciso protocollo anti-Covid anche per i seggi elettorali. All’interno del seggio è obbligatorio l’utilizzo della mascherina, anche se il Presidente può richiedere di abbassarla per procedere con l’identificazione del votante. Prima di accedere all’interno della cabina elettorale ci si dovrà disinfettare le mani. Chi manifesta i sintomi del Coronavirus è invitato a restare a casa, così come chi ha una temperatura superiore ai 37,5° centigradi.

Chi in quarantena ospedaliera o domiciliare, oppure in isolamento fiduciario, può chiedere di votare da casa. Per farlo, però, sarà necessario presentare richiesta all’ufficio elettorale del proprio comune di residenza.

Referendum: come si vota

Per capire come votare al referendum è necessario, prima di tutto, conoscere il quesito sul quale si è chiamati a esprimersi. Chi deciderà di recarsi alle urne troverà stampato sulla scheda la seguente domanda: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente ‘Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari’, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 240 del 12 ottobre 2019?”.

Barrando la casella del “Sì”, approverete il taglio di 345 parlamentari (230 Deputati e 115 senatori); barrando la casella del “No”, invece, rigetterete la modifica della Costituzione e lascerete tutto così come è.

Regionali: come si vota

Anche se le modalità di voto per le elezioni regionali potrebbero variare leggermente in base alla legge elettorale adottata dal consiglio, a grandi linee gli oltre 18 milioni di elettori chiamati alle urne seguiranno le stesse regole. Gli elettori potranno esprimere fino a due preferenze, a patto che siano di sesso differente (un uomo e una donna).

Per quanto riguarda il Presidente della giunta si può decidere sia di assegnarlo al candidato appoggiato dalla lista de dei due candidati consiglieri, oppure di optare per il voto disgiunto, scegliendo consiglieri di uno schieramento e candidato Presidente di un altro.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Elezioni regionali e referendum: come e quando si vota