Due mascherine sovrapposte sono più efficaci di una sola? Il CDC cambia idea

In questa pandemia abbiamo tutti imparato quanto sia fondamentale indossare la mascherina, per proteggere noi e gli altri. Indossare la doppia mascherina ha senso? E quando?

In questa pandemia abbiamo tutti imparato quanto sia fondamentale indossare la mascherina, per proteggere noi e gli altri. Così come sappiamo bene che le mascherine funzionano meglio quando tutti le portano, anche se non tutte forniscono la stessa protezione: quella di stoffa sono meno efficaci delle chirurgiche, che a loro volta sono meno efficaci delle FFP2 e KN95 e delle FFP3 (queste ultime utilizzate quasi solo dal personale medico in contesto ospedaliero).

Oggi, di fronte all’esplosione delle diverse varianti più contagiose che si stanno diffondendo in tutto il mondo, con importanti focolai anche in Italia (pensiamo alla zona di Perugia e dintorni ad esempio, costretta al lockdown duro proprio a causa della variante inglese al Covid), indossare la mascherina è ancora più essenziale. Anche tenerla a scuola, anche se quelle realizzate appositamente da FCA su mandato del Governo sarebbero risultate non abbastanza efficaci.

Portarla è necessario, riduce assolutamente i contagi, ma non toglie il problema. Se da un lato “non c’è nulla di male se i ragazzi passeggiano ai Navigli con la mascherina correttamente indossata”, come ha evidenziato il viceministro alla Salute Pier Paolo Sileri, secondo Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano e docente all’Università Statale, “in assoluto non è sbagliato dire che andare in giro con la mascherina, correttamente utilizzata, non crea problemi. Ma parliamo di in una situazione ottimale. E purtroppo la situazione ottimale non c’è praticamente mai”. Quindi mascherina sì, ma anche e sempre distanziamento.

Quali caratteristiche deve avere la mascherina per essere sicura

Quando si sceglie quale tipo di mascherina indossare è importante capire bene quanto si adatta al proprio viso, quanto filtra l’aria e quanti strati ha. Le mascherine (qui tutte le info sulle diverse tipologie e come usarle) devono:

  • coprire completamente naso e bocca
  • adattarsi perfettamente ai lati del viso e non lasciare spazi vuoti
  • essere maneggiate solo dalle estremità che si agganciano alle orecchie o alla nuca, mai dalla superficie, sopratutto interna.

Come essere sicuri che la mascherina di comunità funzioni bene

In alcuni contesti, come quando siamo all’aperto con poche persone e ben distanziati, è sufficiente indossare la cosiddetta mascherina di comunità, quella in stoffa per intenderci. Certamente più conveniente, oltre che lavabile e riutilizzabile.

Ma come essere sicuri che la mascherina di comunità che abbiamo sia realmente efficace. Per essere sicuri che funzioni bene, possiamo fare la prova della luce: se tenuta vicino a una fonte di luce intensa la blocca, è perfetta.

Inoltre, per sapere se ha buona vestibilità, si sente l’aria calda entrare attraverso la parte anteriore e in alcuni casi si vede anche il materiale della mascherina muoversi dentro e fuori ad ogni respiro.

Quando la mascherina si adatta bene e filtra bene, la respirazione potrebbe richiedere uno sforzo maggiore, ma è appunto un buon segno.

Ma bisogna controllare sempre bene anche la vestibilità e la capacità di filtraggio della mascherina, controllando che non lasci spazi vuoti, e assicurandosi che l’aria non fluisca dall’area vicino agli occhi o dai lati della maschera.

Come migliorare la capacità di filtraggio

Per aumentare la protezione offerta dalla mascherina è possibile migliorarne il filtraggio. Le mascherine catturano le goccioline respiratorie contenenti il virus quando chi le indossa espira, impedendo loro di raggiungere l’aria esterna e proteggendo gli altri. Fungono anche da barriera per proteggere chi le indossa catturando le goccioline respiratorie contenenti il Coronavirus espulso da altri, in modo che non si respirino.

Una mascherina con un migliore filtraggio impedirà a più goccioline respiratorie contenenti il Covid di entrare nella mascherina. Come aumentare il filtraggio? L’aggiunta di più strati di materiale a una mascherina, la cosiddetta stratificazione, è un buon modo per ridurre il numero di goccioline respiratorie contenenti il virus.

Per farlo si possono inserire più strati in una mascherina di stoffa, inserendoli all’interno ad esempio dopo averle scucite, oppure più semplicemente indossare due mascherine.

Oggi sappiamo che indossare una seconda mascherina sopra una prima maschera (per creare una “doppia maschera”) è molto più efficace. Un recente studio condotto in un laboratorio ha scoperto che questa combinazione forniva una protezione molto migliore a chi lo indossava e agli altri rispetto a una sola mascherina di comunità, o anche chirurgica.

Il nuovo studio dei CDC

I CDC-Centers for Disease Control and Prevention americani hanno finalmente sciolto un dubbio che in molti avevano. Portare due mascherine sovrapposte ha senso? È meglio o peggio? Mentre all’inizio dell’emergenza sanitaria gli esperti avevano spiegato che non era più efficace averne due rispetto a una, e che anzi rischiava di essere peggio, ora l’evidenza ha dimostrato il contrario.

Negli ultimi mesi vediamo sempre più spesso anche personaggi famosi adottare questa tecnica. Dal consigliere della Casa Bianca, l’esperto Covid Anthony Fauci, al neo presidente Joe Biden al presidente francese Emmanuel Macron, solo per citare i più famosi, in tanti hanno esibito la doppia mascherina.

Il CDC ha scoperto che una mascherina in tessuto può essere sovrapposta a una mascherina chirurgica, formando una doppia mascherina, per avere una maggiore sicurezza. I CDC hanno riportato i risultati di un esperimento di laboratorio in cui sono state distanziate di circa 2 metri due teste artificiali, verificando quante particelle delle dimensioni del Coronavirus emesse da una sono state poi inalate dall’altra.

I ricercatori hanno scoperto che indossare una mascherina, chirurgica o di stoffa, blocca circa il 40% delle particelle dirette alla testa inalante. Con una mascherina di stoffa sopra una chirurgica, la percentuale sale all’80%. Quando entrambe le teste indossano doppia mascherina, si raggiunge il 95%.

Per ora, le autorità sanitarie Usa spiegano che il primo passo è convincere le persone a indossare almeno una mascherina e farlo correttamente. “La prima sfida è quella di ottenere che il maggior numero di persone indossi la mascherina. E poi aiutarle a ottenere il massimo beneficio da questo dispositivo di protezione” ha detto John Brooks dei Cdc.

Lo studio ha però qualche limite, per stessa ammissione degli scienziati: i ricercatori hanno utilizzato una sola marca di mascherine chirurgiche e un solo tipo di mascherina in tessuto, e non è chiaro se i risultati sarebbero stati gli stessi con altri marchi. Ma è pur vero che questa ricerca si aggiunge ad altre precedenti che giungono alla stessa conclusione, cioè che due mascherine sono meglio di una.

Attenzione però, perché non tutte le mascherine si prestano a questa sovrapposizione. Il CDC raccomanda di non combinare ad esempio due mascherine chirurgiche. Stesso discorso vale per le mascherine FFP2 o KN95 o per le FFP3, che vanno usate sempre singolarmente, e una volta sola.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Due mascherine sovrapposte sono più efficaci di una sola? Il CDC camb...