Dpcm di Natale, le sanzioni in caso di violazione: il chiarimento del Viminale

Il Governo mette mano alla “svista” sul Dpcm del 3 dicembre relativo a spostamenti e coprifuoco. Ecco le precisazioni del ministero dell'Interno

Il Governo mette mano alla “svista” sul Dpcm di Natale. Come vi abbiamo anticipato, nel Dpcm 3 dicembre l’Esecutivo ha imposto forti restrizioni agli spostamenti in vista delle feste e tra Natale e Capodanno, proprio per evitare situazioni di potenziale contagio che, come ormai sappiamo, sono molto più frequenti in famiglia e non fuori.

Ma si è “dimenticato” di precisare a quali sanzioni gli italiani sarebbero andati incontro in caso di mancato rispetto delle regole.

Tutti gli spostamenti vietati a Natale e Capodanno

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 sono vietati gli spostamenti tra Regioni o Province autonome diverse, indipendentemente dal rispettivo livello di rischio: quindi non ci si può spostare nemmeno tra Regioni gialle.

Resta in tutta Italia il coprifuoco nella fascia oraria 22-5 e, per la sola giornata del 31 dicembre 2020, ne viene prolunga la durata fino alle ore 7 del 1° gennaio 2021.

Nei giorni 25 e 26 dicembre 2020 e 1° gennaio 2021, sono vietati, in un’ottica più restrittiva, che tiene conto della maggiore propensione alla mobilità, anche gli spostamenti tra Comuni.

Nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021, questo divieto vige anche con riferimento alle seconde case che si trovano in un altro Comune.

Restano ferme le ormai consuete cause di eccezione di rientro presso la propria abitazione, motivi di salute, necessità e lavoro.

Dpcm 3 dicembre, quali multe scattano

Ora, dopo la dimenticanza, il Viminale chiarisce in una circolare, inviata ai prefetti dal capo di Gabinetto del ministero dell’Interno Bruno Frattas, che alle misure di contenimento della diffusione del Covid-19 previste dall’ultimo Dpcm si applicano le sanzioni già previste dell’articolo 4 del decreto-legge n. 19/2020.

L’intero quadro sanzionatorio previsto dall’articolo 4 interessa tutte le norme di contenimento del contagio e tra queste deve essere ricompresa anche quella che limita gli spostamenti sull’intero territorio nazionale per il periodo natalizio, spiega il ministero dell’Interno.

La sanzione amministrativa va, come in precedenza, da 400 a 1.000 euro, con una riduzione del 30% (280 euro) se si provvede al pagamento entro 5 giorni.

Non solo, però. Nelle ipotesi in cui l’autocertificazione relativa agli spostamenti eventualmente presentata non sia veritiera, scatta il reato di falsa attestazione a pubblico ufficiale, previsto dall’articolo 495 del Codice penale e punito con la reclusione da 1 a 6 anni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dpcm di Natale, le sanzioni in caso di violazione: il chiarimento del ...