Dpcm 3 dicembre: gli spostamenti vietati e quelli consentiti a Natale e Capodanno

Servono misure restrittive a Natale per evitare la terza ondata dopo. Il Governo sceglie la linea dura per le festività

Servono misure restrittive a Natale per evitare la terza ondata dopo. E’ perentorio Conte nel delineare la strategia del Governo per contrastare la secondata ondata Covid in Italia, che ancora una volta ci ha colti impreparati – con gravissime responsabilità e politiche e sanitarie – e che si sta rivelando più dura della prima.

Il picco di morti per Coronavirus (quasi mille oggi giovedì 3 dicembre, è il dato più alto da inizio pandemia) non può, e non deve, lasciarci tranquilli. Anche se la curva dei contagi si sta appiattendo non significa che l’Italia sia fuori pericolo.

Per questo, nonostante i passi in avanti sul fronte vaccino (qui trovate nel dettaglio il piano del Governo), l’Esecutivo ha scelto un approccio duro soprattutto per limitare gli spostamenti, che avrebbero potuto innescare l’effetto cascata già osservato dopo le vacanze estive.

Ecco dunque cosa prevede il nuovo Dpcm 3 dicembre pubblicato in Gazzetta Ufficiale in merito agli spostamenti.

>>> Scarica qui il Dpcm 3 dicembre in Gazzetta Ufficiale e qui gli allegati <<<

Dpcm 3 dicembre, le regole sugli spostamenti

Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti da una Regione all’altra, anche per raggiungere le seconde case. Il 25 e 26 dicembre e il 1° gennaio sono vietati anche gli spostamenti da un Comune all’altro.

Resta il coprifuoco, cioè divieto di spostarsi su tutto il territorio italiano dalle 22 alle 5. Il 31 dicembre, Capodanno, sono anche vietati gli spostamenti dalle 22 alle 7.

Quando ci si può spostare

Ci si potrà spostare, come già avviene oggi, solo per motivi di lavoro, di salute e in casi di necessità, anche nelle ore notturne. Tra questi, Conte ha fatto che rientra anche l’assistenza a persone non autosufficienti.

E’ sempre consentito il rientro nel Comune di residenza, nel proprio domicilio e nel luogo in cui si abita con continuità o periodicità, il che, ha spiegato Conte in conferenza stampa, permetterà il ricongiungimento di coppie lontane per motivi di lavoro ma che convivono con una certa frequenza e periodicità nella stessa abitazione.

Le regole per i turisti in entrata e in uscita

Gli italiani che andranno all’estero per turismo dal 21 dicembre al 6 gennaio al rientro dovranno sottoporsi alla quarantena. Stessa cosa per i turisti stranieri che arrivano in Italia nello stesso periodo.

Gli impianti sciistici saranno chiusi dal 4 dicembre al 6 gennaio, e dal 21 dicembre al 6 gennaio sono sospese le crociere in partenza, scalo o arrivi in porti italiani.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dpcm 3 dicembre: gli spostamenti vietati e quelli consentiti a Natale ...