Dpcm 18 ottobre, regole e restrizioni valide fino al 13 novembre: cosa succederà dopo?

L'ultimo decreto emanato dal Presidente del Consiglio dei Ministri ha prorogato le restrizioni anti-Covid al 13 novembre 2020: ma cosa succederà alla scadenza? Gli scenari possibili

AGGIORNAMENTO: Alle 13.30 di domenica 25 ottobre il premier Conte in diretta da Palazzo Chigi ha annunciato il nuovo Dpcm 25 nottobre che contiene nuove misure anti-Covid. Qui trovate tutte le info aggiornate.

Le misure anti-Covid modificate e le nuove introdotte con il Dpcm 18 ottobre saranno valide fino al 18 novembre 2020. Questo vuol dire che, come la maggior parte dei decreti approvati durante l’emergenza Coronavirus, anche per quest’ultimo è stata stabilita una sorta di “scadenza”. Da qui al prossimo mese, quindi, sono già state definite regole e specifiche restrizioni per imprese, lavoratori e cittadini. Ma dopo, cosa succederà? 

Dpcm 18 ottobre: le regole valide fino al 13 novembre

Ai fini del contenimento della diffusione del virus, con il Dpcm 18 ottobre sono state apportate modificazioni al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 ottobre 2020 che prevedono:

  • la possibilità di chiusura al pubblico delle strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare assembramenti, che può essere disposta dopo le 21.00 (fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali debitamente aperti e alle abitazioni private);
  • l’autorizzazione a procedere con eventi e competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale da parte del CONI, il CIP e e rispettive federazioni sportive nazionali (e lo stesso vale per le discipline sportive associate);
  • lo svolgimento di sport di contatto entro determinati limiti (individuati nello stesso decreto);
  • il divieto di organizzare sagre e fiere di comunità, le attività convegnistiche e congressuali, a meno che non siano svolti a distanza;
    l’organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione alle esigenze formative e tenendo conto dell’evoluzione del quadro pandemico;
  • la chiusura dei servizi di ristorazione (fra cui bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie) dalle ore 24.00 alle 5.00 del mattino, salvo possibilità dei sindaci di decretare un coprifuoco diverso. Il consumo è consentito al tavolo fino alle 24.00, altrimenti fino alle 18.00 in assenza di consumazione al tavolo.

Tali disposizioni sono valide dal giorno dopo di entrata in vigore del decreto, ovvero dal 19 ottobre 2020, e saranno efficaci – come già detto sopra – fino al 13 novembre 2020.

Dpcm 18 ottobre: cosa succederà dopo il 13 novembre?

Come accaduto nei mesi passati, gli scenari possibili alla scadenza del Dpcm 18 ottobre (alla luce della proroga dello stato di emergenza) sono essenzialmente due:

  • Il Governo, sulla base dell’evoluzione della situazione pandemica mondiale e di quella epidemiologica in Italia, può decidere di prorogare l’efficacia delle disposizioni di contenimento previste dai precedenti decreti in scadenza. In sostanza, le regole e le restrizioni approvate fino a quel momento continueranno ad essere valide;
  • nuove disposizioni potrebbero essere approvate, soprattutto se il numero dei contagi e la situazione negli ospedali e nelle terapie intensive risulta essere diversa da quella di oggi. È chiaro, dunque, che restrizioni maggiori potrebbero arrivare qualora le cose andassero male o, viceversa, si potrebbe assistere ad un allentamento delle stesse.

In entrambi i casi, come già successo, l’Esecutivo procederà con l’emanazione di un nuovo decreto. Vi è anche l’ipotesi – seppur molto remota – della naturale scadenza dei precedenti decreti, che vorrebbe dire la caduta di tutte le precedenti disposizioni senza l’approvazione di nuove. Considerata la situazione attuale, però, è molto improbabile che nessun altro provvedimento venga preso dal Governo (sia esso in positivo o in negativo).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Dpcm 18 ottobre, regole e restrizioni valide fino al 13 novembre: cosa...