Digitale terrestre, nuovi canali da fine giugno: come vederli

Novità di fine giugno per il digitale terrestre: arrivano altri canali, per altri cambia la numerazione. Tutto quello che c'è da sapere

Per tutti coloro che hanno un decoder, la data dello switchoff è sempre più vicina. Dal 1° settembre 2021, infatti, tutte le trasmissioni nazionali passeranno in codifica MPEG-4, quindi in alta definizione. Di regola, tutte le tv e i decoder acquistati dopo il 2017 dovrebbero essere compatibili. Dal 21 al 30 giugno 2022, però, in tutta Italia ci sarà un nuovo passaggio, che porterà all’introduzione dello standard DVB-T2 per avere più canali e migliore qualità.

Nel frattempo, però, diverse novità si sono registrate anche in questo giugno 2021, tra canali aggiunti e cambio di numerazione: cosa è cambiato (e in quali regioni) per il digitale terrestre.

Digitale terrestre, nuovi canali e cambio di numerazione: le novità di fine giugno

Le regioni maggiormente coinvolte sono quelle settentrionali, con le variazioni ai Mux (abbreviazione di ‘Multiplexer’, strumenti che consentono di selezionare i vari segnali e di diffondere le trasmissioni) di Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Veneto, Lombardia ed EmiliaRomagna. Nell’ultima settimana di giugno, rispetto a quella precedente, la variazione più importante ha riguardato il Mux Studio 1, che ha portato all’aggiunta di Canale 239 alla posizione 239, ora trasmesso al posto di ZTV in H.264.

Per il resto, modifiche soprattutto in due delle regioni citate:

  • in Piemonte arriva al canale numero 585 ‘Lombardia TV 585’, che trasmette la programmazione di Lombardia TV. Sempre in Piemonte, si richiede l’aggiornamento dei canali del Mux Sesta Rete;
  • in Liguria, invece, si è aggiunto il canale 246 dell’emittente Maria Vision, che trasmette in SD. Al canale 172, invece, sarà visibile STV Story. Al 285 c’è STV Sport, mentre al 652, infine, Amaliguria.

Per visionare i canali correttamente dunque è opportuno sintonizzare nuovamente il proprio decoder e aggiornare la numerazione dei canali in attesa delle prossime modifiche.

Digitale terrestre, cosa succede dal 1° settembre 2021: le date clou

La rivoluzione del digitale terrestre è solo all’inizio, dato che all’orizzonte ci sono diverse date clou:

  • 1° settembre 2021: le trasmissioni passeranno dalla codifica MPEG2 a MPEG4, per vedere i canali in alta definizione;
  • da giugno 2022: passaggio al DVBT2, per avere più canali a una qualità ancora maggiore.

Ma quando inizieranno le trasmissioni con il nuovo DVB-T2?

  • dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e di Bolzano;
  • dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022: Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Sardegna;
  • dal 1° aprile 2022 al 31 giugno 2022: Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche.

Proprio per la necessità di dover cambiare uno strumento che risulterà obsoleto, il Governo ha previsto un bonus decoder: sino a 50 euro per comprarne uno nuovo (o un nuovo televisore) per le famiglie con Isee inferiore a 20 mila euro. Basterà fare richiesta e andare in negozio con il codice fiscale. La detrazione potrà essere inserita nella dichiarazione dei redditi per ottenere un credito di imposta.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Digitale terrestre, nuovi canali da fine giugno: come vederli