Super multa a chi non mette la mascherina: nuova ordinanza di De Luca

Altri punti chiave, l'obbligo di quarantena per chi proviene dall'estero e il blocco dei mezzi pubblici se qualcuno dei passeggeri non indossa la mascherina

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha firmato una nuova ordinanza per contrastare la diffusione del coronavirus sul territorio regionale.

Nuova ordinanza in Campania

Al centro dell’ordinanza della Regione, multe salatissime a tutti coloro che saranno colti senza mascherina nei luoghi dove è ancora obbligatoria. Non solo: c’è anche l’obbligo di quarantena per chi arriva in Campania dall’estero, il blocco dei mezzi pubblici qualora qualcuno dei passeggeri venga sorpreso senza mascherina e la ricerca di strutture alberghiere che possano ospitare la quarantena degli asintomatici.

“L’Unità di Crisi Regionale per l’emergenza Covid-19, convocata dal Presidente Vincenzo De Luca, si è riunita per esaminare l’attuale situazione epidemiologica in Campania”, avverte una nota della Regione. Al termine della riunione, De Luca ha quindi annunciato l’arrivo di una nuova ordinanza che ha come obiettivo il contenimento del contagio, in un periodo in cui, complice la stagione estiva, la movida in diverse piazze e città d’Italia preoccupa sempre di più.

I punti chiave dell’ordinanza

Ecco, nel dettaglio, che cosa prevede l’ultima ordinanza del Governatore:

  • massimo della sanzione (1.000 euro) per coloro che non indossano la mascherina ove già previsto dalle ordinanze regionali (tutti i luoghi al chiuso). Si ricorda che è obbligatorio portare con sé la mascherina;
  • blocco dei mezzi pubblici (bus e treni) se a bordo vi è un passeggero privo di mascherina, che sarà multato e fatto scendere;
  • obbligo di quarantena per i cittadini che arrivano da paesi esteri devono obbligatoriamente osservare la quarantena;
  • si invitano inoltre “le forze dell’ordine e le polizie municipali a controlli rigorosi nelle situazioni di assembramento, e nelle quali, al chiuso, i cittadini non indossino la mascherina (negozi, supermercati, bar, esercizi commerciali, locali pubblici e così via)”;
  • viene “dato mandato alle Aziende Sanitarie di individuare alberghi Covid da riservare alla quarantena di pazienti asintomatici”.

Movida osservata speciale

La ripresa della movida in molte zone d’Italia ha spinto diversi amministratori a introdurre nuove restrizioni per scongiurare il pericolo di una nuova ondata di contagi. Ha fatto scalpore, ad esempio, il “giro di vite” giunto da Capri, che ha introdotto l’obbligo di mascherina anche all’aperto durante il weekend. Il provvedimento resterà in vigore fino al 31 luglio, nei periodi di maggiore afflusso turistico e nelle strade del centro storico, in piazzetta, nelle vie dello shopping e della movida notturna, dalle ore 18 alle ore 4.

Anche nel Lazio nelle scorse ore si è ventilata un’ordinanza volta in particolare a scoraggiare assembramenti e comportamenti poco prudenti nelle zone della movida.  “Per ora non procederemo con una ordinanza su obbligo mascherina”, ha poi scritto su Facebook il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, “ma riprenderemo una forte campagna di informazione per invitare tutti alla responsabilità e a rispettare le regole. Faccio un appello ai sindaci a emettere, lì dove necessario, ordinanze per limitare ed evitare assembramenti. La nuova campagna invita tutti a non diventare complici del Covid -19”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Super multa a chi non mette la mascherina: nuova ordinanza di De Luca