Cts e governo studiano nuova quarantena: sarà di 3 tipi

Prima il Cts, poi la Cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi, poi il Consiglio dei ministri: ecco qual è l'orientamento del governo sulla nuova quarantena

Prima il Cts, poi la Cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi con i capidelegazione della maggioranza, si sono riuniti oggi per prendere una decisione in merito al possibile – ormai quasi certo – cambio di rotta su quarantene e green pass. Ora bisognerà attendere la fine del Consiglio dei ministri, in corso questa sera.

Via la quarantena per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di 4 mesi che entrino in contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici. Sarebbe questo, secondo quanto si apprende, l’orientamento del governo. Per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione da più di d 4 mesi, quindi con minore copertura dal contagio, la quarantena scenderebbe da 7 a 5 giorni, con tampone negativo. Per chi non è vaccinato resterebbe di 10 giorni.

Ipotesi quarantena di 3 tipi: ecco per chi e quando dura

Proprio mentre l’emergenza Covid accelera anche in Italia e diverse Regioni rischiano la zona gialla o persino arancione a breve, nel corso della cabina di regia, che si è protratta per quasi due ore, sono state ipotizzate dunque queste tre categorie di quarantena, spiegano fonti di Palazzo Chigi:

  1. non vaccinati: per loro continueranno a vigere le attuali regole, con quarantena di 10 giorni
  2. persone in possesso di super green pass (cioè green pass da vaccinazione o da guarigione) da più di 4 mesi (oltre 120 giorni): per loro la quarantena passerà da 7 a 5 giorni e al termine di questo periodo sarà richiesto un tampone negativo
  3. persone con terza dose o super green pass da meno di 4 mesi (meno di 120 giorni): per loro, solo in assenza di sintomi, non sarà più prevista la quarantena ma si passerà a una forma di autosorveglianza. Al quinto giorno dal contatto con il caso positivo, servirà comunque un tampone negativo.

Le proposte delle Regioni

Le Regioni avevano avanzato anche altre richieste, ma per queste bisognerà aspettare il pronunciamento del governo. Eccole:

  • estensione del super green pass a tutti i lavoratori
  • riduzione del ricorso ai tamponi
  • attività di contact tracing sui non vaccinati, sui contesti di maggior rischio di diffusione Covid e nelle persone a rischio, come gli immunocompromessi, o per i contesti sanitari e socioassistenziali
  • graduale attivazione di meccanismi di automatizzazione per la comunicazione dell’isolamento e della quarantena e per la raccolta di informazioni sullo stato di salute e sui contatti.

La decorrenza delle nuove norme, per ragioni organizzative e logistiche, sarà definita in accordo con il Commissario Figliuolo.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cts e governo studiano nuova quarantena: sarà di 3 tipi