Covid, Moderna annuncia tagli sulle forniture dei vaccini

La casa farmaceutica americana ha comunicato alla struttura commissariale il dimezzamento delle dosi per la campagna vaccinale in Italia

Altri ritardi nelle consegne delle forniture dei vaccini contro il Covid-19 in Italia. La casa farmaceutica americana Moderna ha annunciato tagli alle spedizioni delle dosi di febbraio: nel nostro Paese arriveranno metà delle fiale previste, 248mila a fronte delle 488mila concordate per l’ultima settimana del mese.

Covid, Moderna annuncia tagli sulle forniture dei vaccini: la comunicazione

Come già successo con gli altri due prodotti autorizzati dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, delle aziende Pfizer-BionTech e AstraZeneca, anche la multinazionale statunitense prevede ritardi nella distribuzione del vaccino, con ulteriori rallentamenti per la campagna di immunizzazione in Italia.

Lo ha comunicato l’Unione europea: “Siamo in contatto con Moderna – ha spiegato la portavoce della Commissione europea Vivian Loonela – Ci hanno annunciato qualche ritardo nelle consegne per il mese di febbraio, ritardi che verranno probabilmente recuperati nel mese di marzo“.

Con il colosso del Big Pharma, Bruxelles starebbe conducendo una trattativa per un accordo di pre-acquisto di ulteriori 150 milioni, oltre al contratto di 160 milioni di dosi totali già firmato dall’Ue.

A fine febbraio avrebbero dovuto essere 764mila le fiale di Moderna nel nostro Paese, con una cadenza bisettimanale: dopo le prime 47mila, altre 66mila nella settimana del 25 gennaio, per quella dell’8 febbraio di 163mila e per quella del 22 febbraio di 488mila.

Mentre in Europa le fiale arrivano a singhiozzo, nelle stesse ore Moderna ha annunciato la consegna di 100 milioni di dosi di vaccino per il Covid al governo americano entro la fine di marzo. Altri 100, inoltre, saranno recapitati entro maggio e 100 milioni entro luglio.

Nella nota con la quale la casa farmaceutica si impegna ad un incremento in Usa della fornitura, viene spiegato che la presa in carico delle consegne è motivato dall’aumento della produzione effettuato nell’ultimo periodo e alla previsione di una crescita aggiuntiva per i prossimi mesi.

Covid, Moderna annuncia tagli sulle forniture: la campagna vaccinale in Italia

Dei 3.651.270 vaccini anti-Covid consegnati finora nel nostro Paese, 112.800 sono quelle di Moderna, mentre 3.288.870 Pfizer-BioNTech, le prime ad essere utilizzate, e 249.600 di AstraZeneca. L’83,4 per cento delle dosi, pari a 3.057.132, sono state ad oggi somministrate, mentre ammonta a 1.289.059 il totale delle persone vaccinate che hanno ricevuto sia la prima sia la seconda iniezione.

In particolare sono state vaccinate 1.925.859 donne e 1.131.273 uomini. Divise per categorie, 2.063.001 dosi sono state destinate agli operatori sanitari, 574.701 unità di personale non sanitario, 330.517 ospiti di strutture residenziali e 88.913 over 80.

In termini percentuali le Regioni che hanno vaccinato di più sono nell’ordine, la Valle D’Aosta con 9.650 dosi (il 102,7 per cento), la Provincia autonoma di Bolzano con 46.220 (il 96,1 per cento), la Toscana con 203.160 (il 93,8 per cento) e il Piemonte con 286.442 (l’93,4 per cento).

In termini assoluti è la Lombardia ad avere somministrato più dosi (517.506), seguita da Emilia-Romagna (289.432 dosi) e Lazio (287.786 dosi).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, Moderna annuncia tagli sulle forniture dei vaccini