Covid, il vaccino arriva in Italia: chi sarà la prima persona a riceverlo

Dopo l'ok di Ema, Commissione Ue e Aifa, il vaccino di Pfizer potrà finalmente essere distribuito anche in Italia: è già arrivata la conferma sulla prima persona che sarà vaccinata

La prima dose del vaccino prodotto da Pfizer sarà iniettata in Italia nel braccio di un’infermiera dello Spallanzani di Roma. Proprio come accaduto a New York una settimana fa, quando le immagini di Sandra Lindsay hanno fatto il giro del mondo. A comunicarlo è stata la direzione dello stesso Istituto nazionale di malattie infettive: la somministrazione del siero avverrà domenica 27 dicembre, giornata del V-Day. Oltre all’infermiera, sarà iniettato il vaccino anche a un operatore socio sanitario (OSS), una ricercatrice e due medici.

Vaccino Covid, chi saranno i primi a riceverlo e perché

La scelta dell’Istituto Spallanzani non è casuale. La direzione avrebbe optato per un’infermiera e due medici così da coinvolgerli in prima linea nella somministrazione del vaccino ai colleghi. Per quanto riguarda la ricercatrice, si tratta di una studiosa impegnata nei laboratori di ricerca dell’Istituto. L’operatore sociosanitario lavora nei reparti Covid.

Il fatto che si sia partiti dal personale sanitario è stato apprezzato dal presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli. Secondo il numero uno della Fnomceo, infatti, si tratta di un gesto “simbolico, che rende merito all’impegno che i medici, gli infermieri, i ricercatori e tutti gli operatori sanitari hanno profuso in questa pandemia”.

Tra l’altro, proprio per onorare il lavoro di chi combatte in prima linea da quasi un anno, saranno coniati tre milioni di monete da 2 euro con la scritta “Grazie” e l’effige di un medico e di un’infermiera. L’annuncio è in Gazzetta Ufficiale.

Vaccino Covid, le dosi saranno distribuite dall’Esercito

Il vaccino, inizialmente, avrebbe dovuto essere distribuito da Pfizer, in proprio. Su richiesta del commissario Domenico Arcuri, però, le dosi che arriveranno in Italia il 24 dicembre saranno custodite proprio allo Spallanzani: saranno poi i militari a distribuirlo sui 21 siti nazionali.

Il numero totale delle dosi previste è 1.833.975. Le prime 9.750 partiranno il 26 dicembre dal Belgio, per arrivare all’ospedale Spallanzani di Roma. Il Lazio accoglierà nei prossimi giorni 180 mila dosi, che serviranno, come sostenuto dall’assessore alla Sanità della Regione, Alessio D’Amato, a vaccinare gli oltre 18 mila ospiti delle Rsa e tutto il personale sanitario (che comprende medici, infermieri, medici di famiglia, pediatri e farmacisti), costituito da 168 mila unità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, il vaccino arriva in Italia: chi sarà la prima persona a ricev...